Sport

Dopo sei anni Michelutti lascia l'Enel Basket, ecco Maffezzoli

Sono passati solo sei anni dal giorno del suo arrivo a Brindisi, ma sembra una vita. Il vice allenatore Daniele Michelutti lascia l'Enel Basket Brindisi. Aveva cominciato nel 2010

BRINDISI - Sono passati solo sei anni dal giorno del suo arrivo a Brindisi, ma sembra una vita. Il vice allenatore Daniele Michelutti lascia l'Enel Basket Brindisi. Aveva cominciato nel 2010, prima come assistente di Giovanni Perdichizzi e poi di Luca Bechi, quindi dal campionato 2011-2012 ha affiancato coach Piero Bucchi. Tanti i traguardi sportivi raggiunti nelle 232 presenze di Michelutti: due promozioni in Lega A, la conquista per la prima volta nella storia di Brindisi dei playoff scudetto (2 volte) e le Final Eight di Coppa Italia (3 volte), oltre alla conquista di una Coppa Italia di Legadue. "Professionista serio, appassionato e dedito al proprio lavoro, ha saputo conquistare la stima del pubblico brindisino, che si unisce al sentito ringraziamento della società per l'encomiabile lavoro svolto in questi sei anni. A Daniele, il sincero augurio di un prosieguo di carriera ricco di successi e soddisfazioni", si legge in un comunicato della società.

Massimo Maffezzoli-2

Al posto di Michelutti approda a Brindisi come vice Massimo Maffezzoli affiancherà coach Meo Sacchetti in qualità di assistente allenatore per le prossime due stagioni sportive con opzione per la stagione 2018-19. Maffezzoli, 44 anni, inizia ad allenare giovanissimo nel 1994. Nel 1997 inizia la sua avventura nelle giovanili della Scaligera Basket e vi rimane fino al 2001 collezionando la partecipazione, da capo ed assistente, a cinque finali nazionali. Continua ad allenare le giovanili alla Sanzeno Verona fino al 2003, poi alla Scavolini Pesaro, Trento ed infine Casalpusterlengo collezionando tra l’altro in queste stagioni varie convocazioni con le nazionali giovanili con le quali collabora anche come referente tecnico territoriale del Trentino.

A Casalpusterlengo, Maffezzoli ricopre anche il ruolo di assistente della squadra di DNB con cui vince una Coppa Italia e raggiunge le semifinali playoffs. Nel 2008 Trapani gli affida il ruolo di assistente di Marco Calvani che ricoprirà fino al 2010. Nel 2010-2011 diventa assistente di Caja a Rimini, nell’estate del 2011 raggiunge Demis Cavina, per aiutarlo nell'ambizioso progetto di Veroli. Nel 2012-2013 torna a lavorare con Coach Calvani, questa volta in un prestigioso palcoscenico come quello di Roma in Serie A. Nel 2013 la svolta sulla panchina di Sassari con coach Sacchetti, dove vince anche la Coppa Italia. L'anno successivo conquista con il Sassari prima la Supercoppa italiana e poi, per il secondo anno consecutivo, la Coppa Italia.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo sei anni Michelutti lascia l'Enel Basket, ecco Maffezzoli

BrindisiReport è in caricamento