Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Sport

"Intitoliamo il precampo a Giorgio Tricarico, pilastro del calcio giovanile"

Il capogruppo consiliare di Forza Italia, Mauro D'Attis, è il primo firmatario di un ordine del giorno attraverso il quale si chiede di intitolare il precampo antistante allo stadio Franco Fanuzzi a Giorgio Tricarico, pilastro dello sport (in particolare del calcio) giovanile locale, venuto a mancare lo scorso giugno, all'età di 70 anni

BRINDISI – Il capogruppo consiliare di Forza Italia, Mauro D’Attis, è il primo firmatario di un ordine del giorno attraverso il quale si chiede di intitolare il precampo antistante allo stadio Franco Fanuzzi a Giorgio Tricarico, pilastro dello sport (in particolare del calcio) giovanile locale, venuto a mancare lo scorso giugno, all’età di 70 anni.

Si tratta di una “figura molto nota nello sport – afferma D’Attis - e nell’associazionismo e soprattutto dirigente di squadre di calcio giovanile molto apprezzato da svariate generazioni brindisine”.

“La persona di Giorgio – prosegue D’Attis - era largamente apprezzata e stimata e questo è un motivo in più per lasciare la proposta aperta alla sottoscrizione, come presentatori, a tutti i consiglieri comunali che sentono di farlo, Sindaco compreso”.La tribunetta del precampo

La biografia di Tricarico.

Vissuto a Brindisi sin dalla tenera età, ha studiato presso l’istituto Salesiano di Brindisi e lì ha iniziato il suo interessamento al mondo sportivo giovanile in generale ed al calcio in particolare.

Sin da giovane ha manifestato una forte vocazione per le problematiche giovanili della realtà locale brindisina, vocazione che tradusse nel 1960 nella costituzione di un’associazione sportiva denominata "U.S. Stella azzurra brindisi".

Il  suo continuo impegno sportivo e sociale, svolto prevalentemente nel mondo dell'associazionismo, lo porta ad assumere negli anni '80 la carica di Dirigente Settore Giovanile della “Brindisi Sport”, fondando, nello stesso periodo, la società della quale era Presidente la ” Polisportiva Sporting Santa Chiara”, con lo scopo di avvicinare tutti i ragazzi allo sport, dedicandosi lui stesso in prima persona con grande passione. Inoltre, ha fatto parte dei Dirigenti del “Centro sportivo italiano”.

Nella sua “carriera” dirigenziale, dalla collaborazione con varie società di alto livello presso cui solitamente portava i “suoi” ragazzi alle rappresentative,  ha raccolto numerosi successi scoprendo numerosi nuovi talenti.

Parallelamente all'attività sportiva, Giorgio Tricarico ha profuso un costante impegno anche per l’associazionismo culturale facendo parte, tra i soci fondatori, sin da giovanissimo del “Club amici” e creando alla fine degli anni ’90, l’associazione culturale “Azzurro 2000", assumendone la presidenza, con lo scopo primario di dare ampio risalto ai “talenti del nostro territorio” nonché di promuovere ogni forma di manifestazione come il “Mediterraneo Art Festival, premio La Vela Latina” in collaborazione con Istituzioni pubbliche di alto rilievo e attività private e pubbliche nell'ambito sociale.

La persona di Giorgio Tricarico va altresì e soprattutto ricordata per la sua intensa dedizione allo sport, per il quale ha speso ogni forma di energia. Lui adorava il calcio giovanile e i suoi ragazzi. Tutti quelli che lo ricordano con stima ed affetto sono la prova concreta del suo “successo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Intitoliamo il precampo a Giorgio Tricarico, pilastro del calcio giovanile"

BrindisiReport è in caricamento