Lunedì, 18 Ottobre 2021
Sport

L'Enel a Cantù ancora senza Reynolds. Le guardie chiamate agli straordinari

Enel Brindisi e Vitasnella Cantù giocano domani, sabato, l’anticipo di serie A, una partita fra squadre in cerca di immediata riabilitazione e di punti per la classifica, reduci da mortificanti sconfitte in campo europeo. E ancora le due squadre sono accumunate dalla impossibilità di schierare giocatori importanti nel delicato e decisivo ruolo di play maker

BRINDISI - Enel Brindisi e Vitasnella Cantù giocano domani, sabato, l’anticipo di serie A, una partita fra squadre in cerca di immediata riabilitazione e di punti per la classifica, reduci da mortificanti sconfitte in campo europeo. La  squadra di coach Bucchi ha preso una clamorosa imbarcata in Eurocup, a Las Palmas, contro Herbalife Gran Canaria (103-76), ma ha anche da riscattare la sconfitta interna di campionato contro Trento, mentre la squadra canturina di coach Fabio Corbani nello stesso giorno ha perso clamorosamente in Svezia, contro Boras Basket (101-81).

E ancora le due squadre sono accumunate dalla impossibilità di schierare giocatori importanti nel delicato e decisivo ruolo di play maker. Ma è l’Enel Brindisi a lamentare l’assenza più grave ed importante perché dovrà rinunciare ancora a Scottie Reynolds, il suo giocatore più rappresentativo e vero leader della squadra, mentre Cantù lamenta il grave infortunio occorso a Marco Laganà, cui è stata riscontrata una grave lesione al legamento crociato anteriore sinistro che lo terrà fuori squadra fino alla conclusione del campionato.

Ma mentre coach Corbani potrà fare comunque pieno affidamento sul play Hall Langston, e potrà recuperare completamente Ross La Quintana, guarito da uno stato influenzale, coach Piero Bucchi sarà ancora costretto a trovare valide soluzioni per rimediare all’assenza di Scottie Reynolds. Il giocatore-simbolo della squadra sarà indisponibile anche per la prossima trasferta di Eurocup, a Ludwigsburg e, per bene che vada, potrebbe essere recuperato per la successiva partita interna contro Venezia.

Coach Bucchi, perciò, dovrà ancora affidarsi a David Cournooh che se pure sta studiando con successo nel ruolo di play, allo stato attuale non può ereditare la leadership di  Scottie Reynolds. La partita di Cantù rappresenterà ancora una volta una prova di fuoco per la squadra brindisina, priva della necessaria autorevolezza sotto i tabelloni, dove il tecnico è costretto a sacrificare fuori ruolo Kadji e Zerini, considerato il ritardo di condizione fisica e di forma di Gagic e Milosevic che limitano il rendimento della squadra in maniera determinante sia in attacco che in difesa.

 Anche a Cantù, perciò, Bucchi dovrà fare di necessità virtù e puntare decisamente sulla buona predisposizione del pacchetto-guardie chiedendo maggiore sacrificio nella fase difensiva a  Durand Scott, Adrian Banks e Alex Harris, e potrà affiancare anche Marco Cardillo e Domenico Marzaioli, sui quali il coach brindisino ha dimostrato di avere fiducia. E’ evidente che l’Enel Brindisi,  non disponendo di un adeguato asse play-pivot di fondamentale importanza per qualsiasi squadra di basket, dovrà cercare soluzioni alternative valide per superare la difficile trasferta di Cantù, fidando sulle strategie tattiche.

La partita si gioca al Mapooro Arena di Cantù, domani sera, sabato, con inizio alle ore 20,30  e sarà teletrasmessa su TgNorba 24 canale 510 piattaforma Sky e canale 180 digitale terrestre. La telecronaca sarà affidata ad Antonio  Celeste e Francesco Guadalupi. L’incontro sarà arbitrato da Saverio Lazzarini di Bologna, Maurizio Biggi di Cassina de’ Pecchi e Fabrizio Paglialunga di Massafra.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Enel a Cantù ancora senza Reynolds. Le guardie chiamate agli straordinari

BrindisiReport è in caricamento