rotate-mobile
Sport

L'Enel batte il Soderdalje Kings: facile la "prima" europea al PalaPentassuglia

La prima europea al PalaPentassuglia si rivela un discreto allenamento per l'Enel Basket Brindisi, che batte in scioltezza il Soderdalje Kings (90-69) e si ritrova finalmente con un play, Sek Henry, in grado di incidere sulla partita e di dettare i giusti ritmi alla sua squadra. Da sottolineare un'altra buona prova di Ivanov, sotto tono invece Turner, deludente Zerini

BRINDISI - La prima europea al PalaPentassuglia si rivela un discreto allenamento per l’Enel Basket Brindisi, che batte in scioltezza il Soderdalje Kings (90-69) e si ritrova finalmente con un play, Sek Henry, in grado di incidere sulla partita e di dettare i giusti ritmi alla sua squadra. Da sottolineare un’altra buona prova di Ivanov, sotto tono invece Turner, deludente Zerini. Bucchi ha tenuto a riposo capitan Bulleri, e malgrado il match non sia mai stato in discussione, il coach ha più volte richiamato i suoi ad una maggiore concentrazione.

La differenza dei valori in campo è stata chiara fin dalla metà del primo quarto, quando i padroni di casa hanno rotto il ghiaccio dopo i primi minuti di difficoltà dovuti un po’ all’emozione e un po’ alla voglia di partire bene degli ospiti, che in realtà si limitavano al solo Toni Bizaca e a Jukis, uniche “stelle” in una squadra senza primedonne americane. Gli uomini di Bucchi hanno chiuso il primo periodo sul 25-18, allungando poi nel secondo. Partita virtualmente chiusa già al 13°, quando i Kings sprofondano a -11. Subito bene Sek Henry e Deyan Ivanov, i due giocatori in odore di taglio dopo il ritorno di Cedric Simmons e il più che probabile arrivo di Jacop Pullen, il cui ingaggio potrebbe essere ufficializzato già domani.

Eurochallenge: l'esordio al PalaPentassuglia

Nella prima metà di gara, che si chiude 43-27, un solo neo per l’Enel: il 5/16 da tre punti, che prende corpo proprio in una partita che si può stravincere tranquillamente sotto i tabelloni. E infatti quando nel terzo quarto Denmon, James ed Henry riprendono ad attaccare il canestro, l’Enel raggiunge il massimo vantaggio: 55-34 al 25°. I Kings accusano il colpo e crollano definitivamente, accontentandosi di raccogliere quel poco che Brindisi gli consente. Cioè le briciole.

L’Enel chiude con quattro uomini in doppia cifra: James (21), Harper (17), Henry (17), Ivanov (15). Il Sodertalje chiude facendo stretching a fine partita. A fine partita la soddisfazione del presidente Nando Marino, che dà il commiato a Ivanov e Henry: «Due ragazzi eccezionali, che meritano il meglio, ma quando si fa sport e si fa azienda non ci si può far prendere dai sentimentalismi». (Foto di Vito Massagli)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Enel batte il Soderdalje Kings: facile la "prima" europea al PalaPentassuglia

BrindisiReport è in caricamento