Venerdì, 22 Ottobre 2021
Sport

L'Enel combatte bene ma esaurisce le energie: passa Berlino. Addio EuroCup

L'EuroCup si conferma stregata per l'Enel, che contro l'Alba Berlino colleziona (68-72) la quinta sconfitta consecutiva e saluta ogni speranza di passaggio del turno. Ma questa volta i ragazzi di Bucchi si sono arresi solo negli ultimi secondi, di fronte ad un avversario di rango, dotato di un'ottima batteria di lunghi e con un Milosavljevic in grande spolvero

BRINDISI - L'EuroCup si conferma stregata per l'Enel, che contro l'Alba Berlino colleziona (68-72) la quinta sconfitta consecutiva e saluta ogni speranza di passaggio del turno. Ma questa volta i ragazzi di Bucchi si sono arresi solo negli ultimi secondi, di fronte ad un avversario di rango, dotato di un'ottima batteria di lunghi e con un Milosavljevic in grande spolvero. Brindisi paga probabilmente gli enormi sforzi compiuti domenica scorsa per battere la corazzata Venezia.

Scott-3Diversi infatti gli uomini apparsi "sulle gambe” o a corto di idee: da Kadji ad Harris, passando per Marzaioli e Zerini. Buono invece il rientro di Scottie Reynolds, che gioca senza paura e assicura punti e rimbalzi. Bene Gagic, in costante crescita, e qualche segnale confortante anche da Milosevic, che almeno negli ultimi dieci minuti di gara ha fatto vedere che può diventare un giocatore importante. L'ultima buona nota della serata viene dal pubblico, numeroso e caloroso: con applauso finale tributato ai propri beniamini. 

Bucchi getta subito in campo Reynolds e il play si fa trovare pronto: subito 4 punti e tanta sicurezza nel palleggio. Gagic si muove bene, riceve buoni palloni e alcuni li sfrutta a dovere. Al nono minuto però va completamente a corto di ossigeno e non riesce nemmeno a saltare. Durand Scott invece si conferma giocatore sempre pronto a sbrogliare la matassa nei momenti più complicati. All'inizio del secondo periodo l'Enel scende in campo molle, con idee poco chiare e con un Harris non in grande vena: l'Alba infligge ai padroni di casa un parziale di 7-0 e trova il primo vantaggio (22-24).

Kadji-5Brindisi denuncia molte difficoltà in fase di impostazione del gioco: si perdono secondi preziosi all'inizio di ogni azione e ci sono troppi giocatori fermi sulle gambe. Neanche la zona che domenica scorsa ha funzionato a meraviglia, oggi dà a Bucchi i risultati sperati. Milosavljevic punisce l'Enel in un paio di occasioni e Berlino allunga toccando il massimo vantaggio sul 30-39. Il parziale del secondo periodo (10-22) sarà quello che più peserà sul risultato finale.

L'Enel inizia bene il terzo quarto, recupera qualche punto con Reynolds e Scott, ma i lunghi si caricano di falli (tre a testa per Gagic e Zerini, quattro per Kadji). I tedeschi ritornano a +9 ma le folate di Banks e un rimbalzo d'attacco trasformato in canestro da parte di Zerini riportano i biancazzurri in scia (46-48). Brindisi resta a galla solo grazie al contropiede, mentre a difesa schierata fatica troppo e tira dall'arco con l'imbarazzante percentuale del 10% (1/10).

Negli ultimi dieci minuti finalmente si vede Milosevic, impalpabile per il resto della partita: lo sbloccano due liberi e soprattutto una tripla, poi Banks fa esplodere il palazzo segnando il canestro del sorpasso (63-62). Ma ogni volta che va sotto, l'Alba reagisce prontamente e si riporta avanti, quasi sempre con tiri dalla lunga distanza. L'esperienza e la migliore forma fisica fanno al differenza, fino alla fine. (Le foto sono di Vito Massagli)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Enel combatte bene ma esaurisce le energie: passa Berlino. Addio EuroCup

BrindisiReport è in caricamento