Sport

L'Enel dei gregari stende Venezia: 89-84. E finalmente Gagic protagonista

L'Enel incerottata, senza Reynolds, Cardillo e Cournooh (infortunatosi nel riscaldamento) batte la corazzata Venezia e conquista la vittoria più preziosa e inaspettata di questo avvio di campionato. È finita 89-84, una partita epica, di grande sacrificio per i padroni di casa, con un protagonista assoluto che è Piero Bucchi, perché il coach ha saputo motivare la squadra nel momento in cui Cournooh si è fatto male

BRINDISI - L'Enel incerottata, senza Reynolds, Cardillo e Cournooh (infortunatosi nel riscaldamento) batte la corazzata Venezia e conquista la vittoria più preziosa e inaspettata di questo avvio di campionato. È finita 89-84, una partita epica, di grande sacrificio per i padroni di casa, con un protagonista assoluto che è Piero Bucchi, perché il coach ha saputo motivare la squadra nel momento in cui Cournooh si è fatto male, ha gestito i cambi a meraviglia, ed ha frenato i bombaroli lagunari inventandosi una zona 3-2 con Zerini sull'arco della lunetta. Tanto di cappello.

È una vittoria che, certo, porta le firme e i punti di Banks e Scott, ma che ha trovato le fondamenta soprattutto nel sudore e nelle gambe dei gregari: Marzaioli, Zerini e finalmente anche Gagic hanno garantito intensità difensiva, punti e rimbalzi. Ma per vincere contro Venezia serviva il calore del pubblico, e i tifosi del PalaPentassuglia questa sera sono stati davvero il sesto uomo in campo.foto 1-10

LA CRONACA DELLA PARTITA
Brindisi inizia bene e prova a giocarsela alla pari, pesano però le 7 palle perse e anche i due falli di Gagic, che costringono Bucchi ad utilizzare la difesa a zona più del dovuto. 22-27, 

Bucchi rientra in campo con un quintetto inedito composto da tre lunghi (Zerini, Kadji e Milosevic), con Banks e Harris, con il capitano a fare da punta della linea avanzata. Una difesa che per qualche minuto mette in difficoltà Venezia, poi sul 30-30 coach Recalcati prende le contromisure. L'Enel va di nuovo giù (32-39) ma ritorna a galla, con un intraprendente Marzaioli in campo, grazie a buone scelte d'attacco e una difesa grintosa. Si va negli spogliatoi con Brindisi avanti 42-39 e Bucchi che invita il pubblico a sostenere i suoi ragazzi, perché Sto arrivando! che questa partita, in queste condizioni, si vince solo con il sesto uomo in campo.

Il terzo periodo vede protagonista tra i biancazzurri Gagic: il foto 3-5-5centro sembra in giornata di grazia e i compagni lo cercano ripetutamente. Grazie ai suoi punti, e alla tripla di Marzaioli, l'Enel schizza via a 59-50, poi però Owens e Bramos firmano la rimonta veneziana, e l'Umana chiude il terzo periodo sotto di un solo punto (64-63).

L'ultima frazione inizia nel migliore dei modi per l'Enel. Difesa perfetta, attacco killer: Zerini ferma i veneziani che cercano il canestro, Harris li punisce con la tripla del +10 (63-73). Coach Recalcati cerca di correre ai ripari, e rimanda in campo Goss, la cui assenza sul parquet si fa sentire. Tre palle perse, un tagliafuori mancato e un paio di conclusioni forzate in attacco consentono ai lagunari di rifarsi sotto e riaprire la partita: 77-76 a 3.36 dalla sirena. È Peric a firmare la parità, 79-79, Harris e Banks scacciano i fantasmi della sconfitta.

Una vittoria che il presidente Nando Marino ha dedicato ad Andrea De Nigris, il diciannovenne brindisino rimasto ucciso in un incidente stradale, nei giorni scorsi, travolto da un'auto guidata da un suo coetaneo risultato positivo all'alcol-test. Marino ha inoltre sottolineato la prestazione di Gagic, "un giocatore bocciato troppo presto” e il calore del pubblico, fondamentale per aggiudicarsi il match: “Sono sicuro che nelle prossime settimane ci divertiremo ancora di più”.LE FOTO SONO DI VITO MASSAGLI

LO SCOUT
ENEL BRINDISI – UMANA REYER VENEZIA 89-84 (22-27; 20-12; 22-24; 25-21)
ENEL BRINDISI: Banks 20 (6/10, 2/3, 3 r), Scott 20 (7/7, 2/4, 2 r),  Cournooh ne, Harris 8 (0/3, 2/3, 2 r), Milosevic 2 (1/2, 0/1, 2 r), Pacifico ne, De Gennaro ne, Gagic 13 (5/7, 5 r), Zerini 9 (3/4,1/2, 6 r), Marzaioli 8 (2/2 da 3), Kadji 9 (3/8, 1/2, 12). All. Bucchi
UMANA REYER VENEZIA: Peric 21 (7/9, 2/4, 4 r), Goss 10 (2/4, 2/7, 2 r), Bramos 15 (1/2, 4/4, 5 r), Jackson 7 (2/2, 1/4), Green 4 (2/5, 0/4, 4 r), Ruzzier 3 (1/1, 1/1), Ress ne, Tomut ne, Owens 19 (9/12, 3 r), Simioni ne, Orther (2 (1/2, 5 r), Viggiano 3. All. Recalcati
ARBITRI: Lamonica, Bettini, Ranaudo

foto 4-4-6 foto 5-4-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Enel dei gregari stende Venezia: 89-84. E finalmente Gagic protagonista

BrindisiReport è in caricamento