Lunedì, 18 Ottobre 2021
Sport

L'Enel non fa il miracolo. Vince la Grissin Bon 62-73, e si va a gara 5

Il miracolo non si avvera. La Grissin Bon si aggiudica 62-73 gara 4 dei quarti di finale e lo fa con grande merito, grazie ad un Kaukenas fenomenale nel terzo periodo e ad una difesa che ha mandato in crisi i giocatori brindisini fin dal primo minuto

BRINDISI - Il miracolo non si avvera. La Grissin Bon si aggiudica 62-73 gara 4 dei quarti di finale e lo fa con grande merito, grazie ad un Kaukenas fenomenale nel terzo periodo e ad una difesa che ha mandato in crisi i giocatori brindisini fin dal primo minuto. Si torna a Reggio Emilia per gara 5, il classico dentro o fuori. È stato proprio il terzo quarto a decidere la sfida: i 10 punti del 37enne Kaukenas suonano la carica per gli ospiti, che infliggono ai padroni di casa un parziale di 15-24. 

Pullen 2-2-3La squadra di Bucchi ha sofferto la difesa schierata degli uomini di Menetti ed è riuscita a rimettere in gioco la partita solo quando è riuscita ad accelerare e colpire in contropiede. Nel primo tempo però è venuto a mancare anche l'apporto dell'intero quintetto: Pullen, Denmon, Mays, Cournooh e James hanno realizzato soltanto 12 dei 32 punti messi a segno dall'Enel, tutto il resto è stata opera soprattutto di Zerini (forse il migliore tra i brindisini) e Turner. Anche a fine partita saranno 31 i punti realizzati dallo starting-five e 31 quelli dei "panchinari”.

Polonara e compagni sono riusciti a tenere a freno le bocche di fuoco Enel: Mays si ferma a 12 punti e 8 rimbalzi, Denmon ne infila solo 7 e Pullen 10. James addirittura solo 2: praticamente inesistente a canestro; lo salvano i 7 rimbalzi, ma da uno come lui si attendono anche punti. Il risultato è che Brindisi si è ritrovata quasi sempre ad inseguire, passando in vantaggio solo in due occasioni e per pochi secondi.

I commenti post-partita - Andrea Zerini: «Sapevamo che erano con le spalle al muro e dovevano reagire. Non siamo più riusciti a rientrare dal mini-break del terzo quarto». Nando Marino: «Delusi e amareggiati. Avevamo la possibilità di chiudere il discorso qui a Brindisi e regalare un'altra meravigliosa pagina di storia alla città e alla regione. Ma questo è il bello e il brutto dello sport. CI andiamo a giocare tutto a Reggio sperando di ribaltare i favori del pronostico che ora sono tutti per la Grissin Bon». Coach Menetti: «Complimenti a Brindisi, per batterla abbiamo dovuto giocare al di sopra delle righe. Adesso avremo bisogno di un PalaBigi carico come non mai per chiudere la serie». (Le foto sono di Vito Massagli)
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Enel non fa il miracolo. Vince la Grissin Bon 62-73, e si va a gara 5

BrindisiReport è in caricamento