Giovedì, 21 Ottobre 2021
Sport

L'Enel vince 100-103 all'overtime. Cournooh, Zerini, Kadji e Banks stendono Cantù

Cournooh fa il fenomeno, Kadji e Banks giocano da americani veri, Zerini è superlativo: l’Enel Basket Brindisi espugna 100-103 il Pala Pianella dopo un tempo supplementare e batte la Vitasnella Cantù, squadra dal potenziale enorme ma che sconta un deficit di esperienza. La vittoria arriva dolcissima e inaspettata, perché coach Bucchi ha dovuto di nuovo fare a meno di Reynolds e anche di Cardillo

BRINDISI - Cournooh fa il fenomeno, Kadji e Banks giocano da americani veri, Zerini è superlativo: l’Enel Basket Brindisi espugna 100-103 il Pala Pianella dopo un tempo supplementare e batte la Vitasnella Cantù, squadra dal potenziale enorme ma che sconta un deficit di esperienza.
La vittoria arriva dolcissima e inaspettata, perché coach Bucchi ha dovuto di nuovo fare a meno di Reynolds e anche di Cardillo. Aggiungendoci un Milosevic che è ormai un caso da “Chi l’ha visto?” e un Gagic che a parte la buona volontà riserva giocate davvero imbarazzanti, era scontato che le speranze dei tifosi fossero ridotte al lumicino.

E invece nel momento di maggiore difficoltà per la New Basket in questo inizio di stagione, sono emersi personaggi nuovi o quasi. David Cournooh ha guidato la squadra per 35 minuti, fino a quando non è uscito per cinque falli. Alla fine il suo tabellino dice 20 punti, 4/4 da due, 4/4 da tre, 2 rimbalzi e 3 assist. Il play non titolare è ormai una certezza.

Spiccano anche i 15 punti di Andrea Zerini. Per il capitano forse la migliore prestazione nei cinque anni in biancazzurro, probabilmente la prova della sua completa maturità: il suo score è sporcato solo dallo 0/4 dalla lunga distanza, ma i 13 rimbalzi e i 3 assist cancellano ogni macchia.
Bucchi ha ritrovato a Cantù il Kadji visto a Sassari: rimbalzi (11), canestri (25 punti) e stoppate (5), ma anche autorevolezza e sicurezza. Il quarto protagonista della serata è stato Adrian Banks: quando c’è da prendere in mano palloni che scottano, non si tira mai indietro. L’americano ha chiuso con 19 punti e 7 rimbalzi. Harris e Scott hanno fatto da comprimari di lusso. Da sottolineare la buona prova di Marzaioli, che per la prima volta gioca 25 minuti e realizza una tripla e un canestro da due punti.

Cantù-Brindisi è stato uno stupendo spot per il basket: ritmi elevatissimi per tutti i 45 minuti di gioco. Le due squadre sono state sempre punto a punto fino allo scadere del secondo periodo, quando i pugliesi hanno inflitto un break di 10 punti ai padroni di casa.

La Vitasnella ha reagito con le bombe di Woiciechovski, i canestri impossibili di Heslip e le folate di Hasbrouk, che in più di una occasione hanno dato l’impressione di poter spezzare le gambe ai ragazzi di Bucchi. Ma l’Enel è rimasta in piedi, e non ha perso lucidità fino alla fine.
Dal Pianella arrivano due punti preziosissimi e una iniezione di fiducia. Ora aspettiamo il rientro di Reynolds. Su Milosevic e Gagic non si può ancora contare. Ma alla fine va bene anche così.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Enel vince 100-103 all'overtime. Cournooh, Zerini, Kadji e Banks stendono Cantù

BrindisiReport è in caricamento