menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Brindisi-Corfù più bella con le barche d'epoca e più dura per i maxiyacht

Era necessaria una svolta per gratificare maggiormente gli equipaggi e le barche più competitive, quelle che a volte si fanno centinaia di miglia per raggiungere Brindisi e partecipare alla regata per Corfù che quest'anno toccherà l'edizione numero 29

BRINDISI – Era necessaria una svolta per gratificare maggiormente gli equipaggi e le barche più competitive, quelle che a volte si fanno centinaia di miglia per raggiungere Brindisi e partecipare alla regata per Corfù che quest’anno, per inciso, toccherà l’edizione numero ventinove. Ma era anche importante aggiungere ragioni di interesse per altre categorie di velisti, come quelli che cercano, curano e portano in giro per i mari le barche più antiche, quelle dal fascino intramontabile anche al cospetto delle nuove generazioni in carbonio. Ed ecco le prime novità per la XXIX Regata Internazionale Brindisi-Corfù varate dal Circolo della Vela Brindisi, annunciate oggi dal comitato organizzatore.

Regata Brindisi-Corfù - Nuovo percorso maxi-2La prima è il nuovo percorso per i maxiyacht: una corsa di 128 miglia (quello tradizionale è di 104 miglia) con rotta obbligatoria su Tricase Porto dopo la partenza da Brindisi, per lasciare a sinistra la boa che sarà collocata poco a largo del porticciolo, e proseguire poi per  Kassiopi dove c’è l’arrivo per tutti. Si dovrà navigare sotto costa, con tutti gli eventuali inconvenienti del caso, e ci sarà poco da scegliere per i tattici e i navigatori di bordo. Spettacolo garantito per i primi bagnanti, regata più complessa per gli equipaggi, che si potranno poi lanciare nel Canale d’Otranto per il tratto finale.

La flotta delle altre barche seguirà invece il percorso “storico” della Brindisi-Corfù. La partenza per i maxi avverrà alle 13 dell’11 giugno all’ingresso del porto, e a distanza di alcuni minuti sarà dato lo start prima alle barche d’epoca, poi al resto degli equipaggi in gara, fanno sapere dal Circolo della Vela Brindisi. Il bando di regata è quasi pronto  e a giorni sarà disponibile sui nuovi siti web del Circolo della Vela Brindisi e della Regata Brindisi-Corfù.

Br-Corfù 2013 - Partenza ph Andrea Carloni)-2Riguardo le signore del mare, quelle in mogano, teak o pino che ancora regalano il fascino degli scricchiolii del fasciame e della sartie, e che sanno mantenere benissimo la rotta grazie alle chiglie profonde, saranno ammesse alla regata le categorie “d’Epoca”, “Spirit of Tradition” e “Classiche” , con classifica a parte. Questa parte delle imbarcazioni in gara, che saranno ospitate dopo l’arrivo sotto la fortezza di Mandraki a Kerkyra, il 14 e 15 giugno incontreranno la flotta delle “amiche” greche nel raduno regata organizzato dallo “Iok Sailing Club of Corfu”, partner del Circolo della Vela Brindisi, che ha chiamato a raccolta per quei giorni le barche d’epoca elleniche.

La flotta della regata sarà ospitata a Brindisi al lungomare Regina Margherita a partire da 7 giugno, mentre a Corfù sarà accolta al Marina di Gouvia come negli anni precedenti, dove venerdì 13 giugno si terrà la festa della premiazione. A Brindisi gli equipaggi  invece potranno rilassarsi tra gli stand del Negroamaro Wine Festival che si svolgerà negli stessi giorni della Brindisi-Corfù, quest’anno tra gli eventi clou delle manifestazioni di Brindisi Città europea dello Sport 2014.

  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento