rotate-mobile
Sport

Raduno istruttori Federtennis a Brindisi

BRINDISI - Malgrado la pioggia, é stato un weekend intenso per il Circolo Tennis di Brindisi: si é rivelato un grande successo il raduno interregionale di tecnici, istruttori e maestri.

BRINDISI- Malgrado la pioggia, é stato un weekend intenso per il Circolo Tennis di Brindisi: si é rivelato un grande successo il raduno interregionale di tecnici, istruttori e maestri organizzato dalla Federazione Italiana Tennis e svoltosi proprio nel sodalizio brindisino. Un prestigioso corso di aggiornamento di due giorni che è iniziato ieri ed è terminato nel pomeriggio di oggi.

Un evento alla quale hanno partecipato circa 250 insegnanti provenienti da Puglia e Basilicata, insieme a tanti giovani atleti e ad alcuni esponenti importanti della Federtennis, tra cui il presidente del comitato regionale, Donato Calabrese, il direttore tecnico dell'Istituto Superiore di Formazione "Roberto Lombardi", Michelangelo Dell'Edera e il consigliere federale Isidoro Alvisi. Piacevole la presenza di Francesco Giorgino, giornalista conduttore del Tg1 che da appassionato di tennis ha voluto condividere qui a Brindisi la sua amatoriale esperienza sportiva.

Durante il raduno, riservato a ragazzi under 10-12-14, i maestri si sono confrontati a 360 gradi, analizzando le tematiche relative non solo all'aria tecnico-tattica, ma anche a quella mentale, fisica e agonistica affinché tutti imparassero dettagliatamente le strategie necessarie per la crescita di possibili giocatori di tennis. Inoltre, attraverso varie dimostrazioni in campo dei piccoli atleti, sono stati spiegati quelli che oggi in questo sport sono gli obiettivi chiave del percorso metodologico: l'avviamento, il perfezionamento, la specializzazione e il professionismo.

"Questo corso - ha spiegato Michelangelo Dell'Edera- cerchiamo di proporlo a tutti i tecnici ogni anno in diverse regioni d'Italia perché crediamo che per insegnare ai nostri allievi sia fondamentale aggiornarsi sempre. Si tratta di 8 ore di confronto ricche di contenuti che pongono un'equazione importante per far emergere giocatori di qualità, possibili future promesse del tennis mondiale. Oggi e negli anni lo sarà sempre di più, é necessario avere maestri di tennis talentuosi e professionali".

Il sodalizio brindisino ha ospitato per la seconda volta questo evento. Accadde già nel 2012 quando il consiglio direttivo riprese ad avere rapporti solidi con la Federazione, interrotti dopo la Federation Cup a Brindisi del 2005.

"Si tratta di un appuntamento - dice Carlo Faccini - che qui al circolo si sta ripetendo e questo ci rende molto orgogliosi in quanto significa che siamo tenuti in grande considerazione dalla Fit non solo per la nostra struttura, ma anche per la realtà tennistica che oggi rappresentiamo in Puglia. Confrontarsi con tanti amici e soprattutto con Il direttore tecnico Michelangelo Dell'Edera ci fa sempre immenso piacere: questa è una manifestazione che non può fare altro che fornirci spunti importanti per la crescita dei nostri atleti, soprattutto per quanto riguarda il settore giovanile. Questa nostra collaborazione con la Federazione e con il comitato regionale pugliese continua in maniera proficua, parallelamente agli a obiettivi che il circolo di Brindisi si è posto".

"Quest'anno parteciperemo - conclude Faccini - alla serie C maschile con una squadra molto competitiva, oltre a tutti i campionati under a squadre con buone prospettive di risultato. Continueremo ad occuparci della crescita sportiva e non di tanti giovani e bambini, questo è il nostro principale obiettivo, possibile da centrare solo grazie ai nostri maestri che risultano di primo livello nel panorama nazionale."

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raduno istruttori Federtennis a Brindisi

BrindisiReport è in caricamento