rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Sport

La Ginnastica La Rosa senza la Licchetta stringe i denti per restare nella massima serie

BRINDISI - Si chiude con un sesto posto la gara della terza prova del campionato di serie A1 della società “Ginnastica La Rosa Brindisi”, svolta al “PalaFabris” di Padova sabato pomeriggio. Si trattava di un banco di prova importante per Brindisi, dopo la sfortunata gara di Bari in cui Serena Licchetta subì il grave infortunio durante il riscaldamento, con l’atleta pugliese ora in piena fase riabilitativa. L’atleta di punta della squadra di serie A, allenata da Luigi Piliego e Barbara Spagnolo, ovviamente ha saltato la prova di Padova e salterà inevitabilmente anche la quarta ed ultima prova di Firenze. Grazie però alla straordinaria prestazione di Francesca De Agostini la squadra brindisina ha chiuso con un sesto posto che le permette di continuare a sperare per la permanenza nella massima serie nazionale, per il secondo anno consecutivo.

BRINDISI - Si chiude con un sesto posto la gara della terza prova del campionato di serie A1 della società "Ginnastica La Rosa Brindisi", svolta al "PalaFabris" di Padova sabato pomeriggio. Si trattava di un banco di prova importante per Brindisi, dopo la sfortunata gara di Bari in cui Serena Licchetta subì il grave infortunio durante il riscaldamento, con l'atleta pugliese ora in piena fase riabilitativa. L'atleta di punta della squadra di serie A, allenata da Luigi Piliego e Barbara Spagnolo, ovviamente ha saltato la prova di Padova e salterà inevitabilmente anche la quarta ed ultima prova di Firenze. Grazie però alla straordinaria prestazione di Francesca De Agostini la squadra brindisina ha chiuso con un sesto posto che le permette di continuare a sperare per la permanenza nella massima serie nazionale, per il secondo anno consecutivo.

Per Brindisi non si è trattata oggettivamente di una gara impeccabile, in quanto condita da cinque cadute, ma i buoni punteggi ottenuti soprattutto al volteggio e dalle ottime prestazioni individuali della De Agostini, hanno consentito alla società del presidente Antonio Spagnolo di chiudere con dignità, nonostante la pesante assenza di Serena Licchetta. Nelle varie classifiche generali dei singoli attrezzi, Francesca De Agostini è stata infatti fra le migliori in assoluto: seconda al corpo libero, dietro soltanto a Vanessa Ferrari; quinta classificata alle parallele; prima classificata alla trave; nona al volteggio. Questo il dettaglio invece della prestazione delle brindisine: volteggio, Francesca De Agostini 13,550, Rebecca Di Caro 12,350, Ilaria Caiolo 12,600; alle parallele, Francesca De Agostini 13,650, Erica Saponaro 11,000, Ilaria Caiolo 10,100; alla trave Francesca De Agostini 14,750, Erica Saponaro 9,750, Rebecca Di Caro 11,400; al corpo libero Francesca De Agostini 13,900, Erica Saponaro 10,800, Silvia Pentassuglia 11,750.

La prova di Padova è stata vinta dalla Ginnastica Artistica Lissonese che a sorpresa riesce così a scavalcare in classifica generale la favoritissima Brixia Brescia di Vanessa Ferrari che addirittura ha chiuso la prova di Padova fuori dal podio, terminando quarta, anche se condizionata da una non perfetta condizione fisica generale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Ginnastica La Rosa senza la Licchetta stringe i denti per restare nella massima serie

BrindisiReport è in caricamento