Sport

La società è un fantasma, il Brindisi gioca bene ma perde dal Latina

LATINA - A fronte di una società fantasma, col suo massimo rappresentante, ovvero il presidente Antonio Pupino, latitante, il Brindisi 1912 fornisce a Latina un’apprezzabile prestazione facendo anche correre lungo la schiena dei tifosi laziali dei veri e propri brividi. Dopo un primo tempo terminato con il risultato ad occhiali di zero a zero, nei secondi 45 minuti, per un calcio di punizione dal limite decretato dall’arbitro, per un fallo in gioco pericoloso compiuto da Taurino, al 10’ il nero-azzurro Farina depone la sfera alle spalle dell’estremo adriatico Locatelli che nel corso della gara aveva sfoderato delle ottime parate.

Mister Rastelli

LATINA - A fronte di una società fantasma, col suo massimo rappresentante, ovvero il presidente Antonio Pupino, latitante, il Brindisi 1912 fornisce a Latina un'apprezzabile prestazione facendo anche correre lungo la schiena dei tifosi laziali dei veri e propri brividi. Dopo un primo tempo terminato con il risultato ad occhiali di zero a zero, nei secondi 45 minuti, per un calcio di punizione dal limite decretato dall'arbitro, per un fallo in gioco pericoloso compiuto da Taurino, al 10' il nero-azzurro Farina depone la sfera alle spalle dell'estremo adriatico Locatelli che nel corso della gara aveva sfoderato delle ottime parate.

Ancora al 25' con un'altra punizione battuta a parabola dal Latina, il Brindisi capitolava per la seconda volta. Con il risultato di due a zero a favore della squadra locale, in un assolato pomeriggio romano, cala il sipario su questo anticipo di Pasqua di Seconda Divisione "Lega Pro", in cui a preoccupare, in realtà, non è il risultato negativo conseguito dal Brindisi, bensì la drammatica situazione societaria che attanaglia la maggiore squadra di calcio presente ed operante nella città di Brindisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La società è un fantasma, il Brindisi gioca bene ma perde dal Latina

BrindisiReport è in caricamento