rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Sport

L'accoppiata Brindisi-Ostuni in LegaDue è cosa quasi fatta: ecco la foto della situazione

BRINDISI - Gli appassionati di basket mai avrebbero scommesso su quella che, dalle 18.55 di oggi, pare molto più che una remota probabilità: l’anno prossimo, infatti, a meno di ulteriori novità, ci sarà in LegaDue il derby tra Assi Ostuni ed Enel Brindisi.

BRINDISI - Gli appassionati di basket mai avrebbero scommesso su quella che, dalle 18.55 di oggi, pare molto più che una remota probabilità: l'anno prossimo, infatti, a meno di ulteriori novità, ci sarà in LegaDue il derby tra Assi Ostuni ed Enel Brindisi.

Se in Lega A la situazione dovesse restare inalterata rispetto al campionato appena concluso, e quindi non dovesse esserci il ventilato allargamento a 18 squadre, i tifosi brindisini dovranno mettersi l'anima in pace e anzi, dovranno fare propria l'idea di riaccendere la vecchia rivalità coi cugini ostunesi.

La Legadue, in realtà, ha comunicato che le società con diritto di disputare il campionato 2011-2012 che hanno presentato correttamente la domanda di permanenza o ammissione sono: New Basket Brindisi, Reyer Venezia, Basket Veroli, Basket Barcellona, Scafati Basket, Pistoia Basket 2000, Aurora Basket Jesi, Andrea Costa Imola, Fulgor Libertas Forlì, Pallacanestro Reggiana, Basket Club Ferrara (titolo acquisito dalla Fortitudo Basket Bologna), Basket Brescia Leonessa, Basket Trapani.

Con grande sorpresa non hanno presentato domanda d'ammissione il Basket Rimini Crabs, la Palla al cesto Udine e l'Ucc Casalpusterlengo. In virtù di queste defezioni, che per alcuni erano annunciate, hanno pertanto presentato domanda come squadre riserva: Scaligera Verona (la prima fra le retrocesse proprio dalla LegaDue), Assi Basket Ostuni (la prima delle non promosse dalla A/Dilettanti), Unione Cestistica Piacentina Piacenza (la seconda delle non promosse dalla A/Dilettanti), Pallacanestro Sant'Antimo, PMS Moncalieri-San Mauro, Orlandina 1978 Capo d'Orlando.

Le domande presentate verranno esaminate dall'Assemblea di Legadue prevista per il prossimo 6 luglio, ma appare oramai certa l'ammissione in LegaDue di Verona, Ostuni e Piacenza (sebbene l'ok definitivo spetti alla Covisoc). Delle tre l'unica ad avere un problema d'impianto per le gare interne è proprio l'Assi Ostuni che, ad ogni buon conto, dovrebbe riuscire ad aumentare la capienza del proprio palasport senza problemi e senza ritardi (in alternativa ed in alternanza potrebbe avvalersi del PalaPentassuglia?).

In casa Enel Brindisi, dopo l'ingaggio clamoroso di un coach di prima fascia come Piero Bucchi, era calato uno "strano" silenzio tanto per quello che attiene la campagna acquisti quanto per il rinnovo della campagna abbonamenti (avviata in sostanza al buio, senza conoscere le potenziali nuove stelle da osannare e senza sapere a quale campionato si assiste).

A parte l'indiscrezione sull'ala statunitense Jumaine Jones dalla Pepsi Caserta (sembrerebbe certa la firma), c'è il massimo riserbo sulle trattative intavolate da coach Bucchi e il suo staff. L'unica novità, ad oggi, in casa Enel, riguarda il ruolo di preparatore atletico: è stato infatti perfezionato l'ingaggio di Marco Sist, nelle ultime stagioni sportive con l'AB Latina in serie A/Dilettanti.

Sist, nato ad Anzio (Roma) il 13/3/1973, ha conseguito il diploma in Educazione Fisica nel 1996 e poi la laurea in Scienze Motorie nel 2002 nonché numerose qualifiche professionali anche all'estero. Ha maturato importanti esperienze ad Anzio, Aprilia e Latina, partecipando anche alle Universiadi di Belgrado del 2009 come preparatore fisico dell'under 22 della Lega Nazionale Pallacanestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'accoppiata Brindisi-Ostuni in LegaDue è cosa quasi fatta: ecco la foto della situazione

BrindisiReport è in caricamento