rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Sport

LegaDue, l'Assi Ostuni ci riprova

OSTUNI – “Abbiamo le carte in regola per la Legadue”. Queste le parole del sindaco di Ostuni, nonché avvocato e massimo responsabile dell’Assi Ostuni. La squadra della Città Bianca ci riprova, dopo l’esclusione decisa dal Consiglio federale della Fip il 14 luglio scorso, malgrado la presentazione della documentazione il 13. La società ostunese ha ritrasmesso alla Comtec, Fip e Legadue, la documentazione richiesta e in particolare il prospetto riepilogativo dei pagamenti Iva, Ires e Irap.

OSTUNI - "Abbiamo le carte in regola per la Legadue". Queste le parole del sindaco di Ostuni, nonché avvocato e massimo responsabile dell'Assi Ostuni. La squadra della Città Bianca ci riprova, dopo l'esclusione decisa dal Consiglio federale della Fip il 14 luglio scorso, malgrado la presentazione della documentazione il 13. La società ostunese ha ritrasmesso alla Comtec, Fip e Legadue, la documentazione richiesta e in particolare il prospetto riepilogativo dei pagamenti Iva, Ires e Irap.

Domenica Tanzarella non ha dubbi sul fatto che la sua squadra possa accedere al campionato di Legadue per la stagione 2012/2013 e che quindi non ci sarebbero le basi per l'esclusione decisa dal consiglio federale della Fip qualche giorno fa. "Abbiamo adempiuto - ha dichiarato Tanzarella attraverso un comunicato stampa - alle richieste della Comtec nella giornata di venerdì 13 luglio scorso e quindi riteniamo di essere in regola con quanto richiesto per l'iscrizione al torneo di Legadue".

La società della Città Bianca ha inviato tutta la documentazione richiesta alla Comtec, Fip e Legadue quindi il prospetto sui pagamenti Iva, Ires e Irap, le quietanze dell'avvenuto pagamento del Lodi Arbitrali, la dichiarazione di avvenuto pagamento degli emolumenti, le quietanze dei modelli F24 e il bonifico del Tfr attestanti gli avvenuti pagamenti, la quietanza dell'avvenuto pagamento della terza rata professionisti, la dichiarazione rilascita dal Collegio sindacale attestante la non sussistenza delle condizioni peviste dagli articoli 2482ter e 2484 del Codice Civile e le copie dei documenti comprovanti la ricapitalizzazione con versamenti effettuati sul conto corrente della società ovvero tutti gli adempimenti necessari ed indispensabili per garantire l'iscrizione alla Legadue.

Ora la palla passa alla Fip, che dovrà decidere se prendere o meno in considerazione la richiesta della società dell'Assi Basket Ostuni. "Abbiamo fiducia nella Comtec, Fip e Legadue - ha concluso il sindaco - alle quali riconosciamo un grande spirito di collaborazione" continua Tanzarella "e siamo sicuri che la nostra richiesta sarà valutata con la necessaria serenità. Ovviamente qualora la risposta fosse negativa siamo pronti a difendere i nostri diritti davanti alla giustizia sportiva e ordinaria".

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LegaDue, l'Assi Ostuni ci riprova

BrindisiReport è in caricamento