L'Enel Basket alle final-four

BRINDISI - Pettole e pucce per i brindisini hanno molto più appeal di una partita di basket di Coppa Italia, e così Enel e Morpho Piacenza si sono giocate il ritorno dei quarti di finale di fronte a quattro gatti. L’ha spuntata l’Enel, con grande sofferenza, 74-70, annullando così il -3 rimediato all’andata. Il match è sembrato poco avvincente fin dall’inizio. Hunter, che domenica scorsa era praticamente assente, parte bene con un 3 su 5 da due e due rimbalzi. Bucchi fa entrare in campo Zerini, Poletti e Simoncelli già nella prima frazione.

Boro da sotto (ph V.Massagli)

BRINDISI - Pettole e pucce per i brindisini hanno molto più appeal di una partita di basket di Coppa Italia, e così Enel e Morpho Piacenza si sono giocate il ritorno dei quarti di finale di fronte a quattro gatti. L’ha spuntata l’Enel, con grande sofferenza, 74-70, annullando così il -3 rimediato all’andata. Il match è sembrato poco avvincente fin dall’inizio. Hunter, che domenica scorsa era praticamente assente, parte bene con un 3 su 5 da due e due rimbalzi. Bucchi fa entrare in campo Zerini, Poletti e Simoncelli già nella prima frazione.

Dall’altra parte si fa vedere Infante, che da buon ex sembra volersi giocare la partita della vita, ed infatti appena entrato mette a segno sei punti. Il primo quarto, non certo spettacolare, si chiude 19-17. Al rientro la partita diventa ancora più noiosa ed il punteggio resta basso. Bucchi alza la voce e finalmente i padroni di casa ne approfittano e a quattro minuti dalla fine raggiungono il massimo vantaggio: 31-24. Coach Corbani richiama i suoi in panchina per una strigliata, ma il time-out non cambia la situazione in campo: si va all’intervallo sul 39-32.

Brindisi può chiudere la partita con grande anticipo, perché i due americani di Piacenza (Anderson e Harrison) si caricano di falli e sono costretti a sedersi in panchina. L’Enel allunga fino al +10, ma non riesce a fare di meglio e gli avversari vanno all’ultima frazione sul -7. Scarone e compagni ci credono ancora e provano a conquistare la qualificazione. Si portano sul -2, ma Brindisi reagisce e Renfroe mette dentro la bomba. Poi Borovnjac costringe al quinto fallo Anderson e dopo qualche minuto tocca a Scarone, l’uomo più pericoloso degli ospiti, che aveva appena messo dentro un tiro da tre che qualificava i suoi per differenza canestri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul 65-63 anche Callahan commette il quinto fallo. Infante prova a giocare un brutto scherzo ai biancazzurri, ma l’Enel mantiene la calma e Hunter inventa un paio di giocate che sembrano chiudere la partita. Invece a otto secondi dalla fine Borovnjac commette il quinto fallo su Harrison, mandando in lunetta l’americano sul +4. Il piacentino segna i due tiri liberi (72-70), ma Renfroe risponde con un tiro da 2 dall’angolo e l’Enel torna al +4. Finisce 74-70. Brindisi va alle final-four di Coppa Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Spaventoso scontro fra due auto in Emilia: grave un giovane brindisino

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Quattro nuovi casi in Puglia, uno in provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento