menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La curva più calda

La curva più calda

L'Enel risorge, battuta Siena

BRINDISI – L’Enel Basket Brindisi risorge e batte anche Siena (71-67), riacciuffando la vetta della classifica, che ora condivide con Sassari, Siena, Roma e Cantù, tutte a 18 punti. Il finale strepitoso di un Dyson rimasto in ombra per tre quarti di partita regala ai tifosi la vittoria più importante del girone di andata, quella che vale anche l’accesso alle final-eight di Coppa Italia.

BRINDISI - L'Enel Basket Brindisi risorge e batte anche Siena (71-67), riacciuffando la vetta della classifica, che ora condivide con Sassari, Siena, Roma e Cantù, tutte a 18 punti. Il finale strepitoso di un Dyson rimasto in ombra per tre quarti di partita regala ai tifosi la vittoria più importante del girone di andata, quella che vale anche l'accesso alle final-eight di Coppa Italia.

L'Enel è tornata, Aminu invece non vede più il campo, ed è ormai destinato a fare le valigie.

Da segnalare, in una bella serata, il coro pro-palazzetto della curva, che questa sera ha dato del "quaquaraquà" al sindaco Consales, presente accanto al patròn Massimo Ferrarese.

LA CRONACA DELLA PARTITA

Non basta il pubblico più caldo della stagione a dare la spinta inziale all'Enel: Siena rifila subito ai brindisini un 0-10 che costringe Bucchi a chiamare la prima sospensione dopo due minuti. Il coach continua a mettere in quintetto Zerini, mentre Crespi ordina subito la difesa a zona, che poi alterna alla uomo. L'Enel reagisce e al 5' è 9-14, ma Viggiano appena entrato ne mete dentro sette di fila. Siena non sbaglia quasi nulla. Brindisi sbaglia ancora troppo.

(Finale primo quarto: 19-26)

Con la difesa strepitosa di Bulleri, il James dei momenti migliori, e con Todic in campo al posto di Zerini, l'Enel infligge un 7-0 agli avversari e si porta a -2 (26-28). Rientra Zerini e Ress ne approfitta per piazzare due triple che non consentono a Brindisi di pareggiare. Formenti finalmente torna a fare un canestro dalla lunga distanza (33-34), ma Carter lo imita subito (33-37). Le percentuali al tiro dei campioni d'Italia comunque calano parecchio, e l'Enel resta incollata agli ospiti. Formenti spreca la palla del pareggio.

(Finale secondo quarto: 35-37)

Il pareggio /37-37) lo firma Snaer, ma prima Dyson e poi James non riescono a realizzare il primo sorpasso. Ci pensa Lewis con un tripla folle. Crespi si riaffida alla zona e Snaer lo punisce con un'altra bomba. Il Mps rimonta con Nelson (due triple) e Cournooh (47-49), ora a calare sono le percentuali dei padroni di casa, che sbagliano anche tiri facili da sotto canestro. Nel finale capitan Bulleri non sbaglia, e le due squadre restano staccate di un solo punto.

(Finale terzo quarto: 50-51)

Con la complicità di qualche strano fischio degli arbitri, ma soprattutto grazie a Rochestie e al solito Cournooh, Siena rimette le mani sulla partita e a 6' dalla fine è 55-61. Bucchi si affida a James sotto le plance e ai quattro americani, ma l'Enel fa troppa fatica ad arrivare a canestro. Finalmente si vede uno slalom di Dyson, che nell'azione successiva alza la palla al cielo per la schiacciata di James: 59-61, Brindisi c'è ancora. Dyson pareggia, ormai è in estasi (61-61) e infatti forza il tiro del sorpasso. Segna Nelson, risponde James. Il canestro in contropiede di Snaer fa esplodere il palazzetto (65-63), e Dyson allunga (67-63). Rochestie accorcia le distanze ai liberi (67-65) ma Dyson ormai non lo ferma più nessuno e segna il nuovo +4. Mancano 28 secondi e Siena ha palla in mano. Dyson fa subito un fallo stupido su Ress, che va in lunetta senza nemmeno far muovere il cronometro e segna i due liberi (69-67). Rochestie fa invece un fallo intelligente su James, che non sbaglia (71-67). I passi di Cournooh regalano la partita a Brindisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento