rotate-mobile
Sport

L'Enel si congeda con una sconfitta

BRINDISI - L'Enel si congeda dal suo pubblico con un'altra sconfitta, contro una evanescente Bologna (87-93). Una serata che sarà ricordara solo per il saluto a Santi Puglisi.

BRINDISI - L'Enel Basket si congeda dal suo pubblico con una sconfitta, contro una evanescente Bologna, squadra composta da buoni giovani e da un ottimo Pullen. Partita, per la verità, non c'è mai stata: si è trattato di un allenamento. Finito 87-93. Una serata che si ricorderà solo per il saluto a Santi Puglisi: 58 anni sui campi di basket.

Che la partita non abbia alcun valore è chiaro già dai primi minuti del primo quarto: difese blande, giocatori che non azzardano alcuno sforzo o scatto pericoloso. Viggiano e Simmons hanno buoni spunti, ma i giovani di Bologna dimostrano più voglia di mettersi in mostra, e gli ospiti chiudono la frazione avanti di un punto: 23-24.

Nel secondo tempino non cambia granché, e per vedere qualche azione spettacolare bisogna attendere gli ultimi tre minuti, quando Reynold mette dentro una tripla dalla lunghissima distanza, e poi serve un pallone delizioso per la schiacciata di Simmons. Bucchi non può schierare Fultz, che ha un problema muscolare, e mette in campo Alibegovic, insieme a Formenti e Zerini. E con i ragazzi l'Enel torna in vantaggio e va negli spogliatoi sul 45-41.

Sul parquet rientra una squadra appisolata, che concede molto ai ragazzini di coach Bechi: l'Enel si fa infilare un parziale di 11-0, e finisce sotto 56-65. Il risveglio, nel finale, di Reynolds e Gibson, fissa il risultato conclusivo del terzo quarto sul 62-68.

Nell'ultima frazione i ragazzi di Bucchi continuano a mostrare poca voglia di vincere e sembrano avere poca benzina. Pullen infila la sua sesta tripla (su otto tentativi) e Bologna continua a stare avanti, anche di 8 punti. Bucchi prova a rimediare con la zone-press, ma la difesa oggi è un concetto molto relativo. Reynolds si batte fino alla fine, Gibson ha la mano tremante. Robinson a 2.35 dalla sirena mette dentro la schiacciata della speranza: 85-89, il pubblico prova a dare la carica. Ma la squadra non la sente.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Enel si congeda con una sconfitta

BrindisiReport è in caricamento