rotate-mobile
Sport

L'Enel sola al secondo posto

BRINDISI – L’Enel batte Caserta al termine di una bella partita che i ragazzi di Bucchi hanno iniziato benissimo e, malgrado un terzo quarto pessimo, hanno chiuso meglio: 64-53 e secondo posto solitario grazie alla sconfitta di Cantù a Siena.

BRINDISI - L'Enel batte Caserta al termine di una bella partita che i ragazzi di Bucchi hanno iniziato benissimo e, malgrado un terzo quarto pessimo, hanno chiuso meglio: 64-53 e secondo posto solitario grazie alla sconfitta di Cantù a Siena. Altra serata da standing ovation, rovinata da una leggera contrattura per Dyson, ancora una volta migliore in campo, insieme ad uno strepitoso Andrea Zerini, che ha dovuto fare gli straordinari per sopperire all'inesistenza di Chiotti e Todic (problemi alla schiena) e perfino di James, che è entrato in partita (in maniera stratosferica) solo nell'ultimo quarto.

Brindisi domina il primo quarto (21-13) grazie alla grande intensità in difesa e pur sprecando molto in attacco. Grande partenza di Zerini, che ruba rimbalzi in attacco, segna una tripla e non concede spazio a Brooks. Parte bene anche Dyson, che forza qualche tiro ma è già in doppia cifra (10 punti).

L'Enel cala nella seconda frazione: concede tre rimbalzi in attacco a Caserta, che si rifà sotto con Tommasini e Michelori. James e Campbell sprecano palloni preziosi anche in attacco e Brooks ne approfitta per segnare il 25-24 (con un parziale di 11-4 per gli ospiti). Ora è la Pasta Reggia a difendere meglio, ma gli ospiti più volte si lasciano sfuggire la possibilità di pareggiare.

Brindisi rientra in campo ancora più confusa, con Dyson che perde subito due palloni: Brooks firma il 32 pari e Roberts il primo sorpasso degli ospiti (35-32). L'Enel accusa il colpo e va sotto di 8 punti (34-42). Bucchi non si fida di Chiotti e Todic (che ha problemi alla schiena), e nemmeno della brutta copia di James, e preferisce rischiare Zerini, che ha già tre falli. Caserta chiude il terzo quarto in vantaggio 40-47. E mai come questa volta è evidente che le chance di riscossa dei padroni di casa siano solo nelle mani di Dyson.

L'ultima frazione inizia con il quarto fallo di Zerini, e Brindisi torna a giocare con James da numero 5, come non accadeva da tempo. L'Enel finalmente reagisce, prima con Dyson, poi con la tripla di James (47-48). Lewis completa la rimonta: segna in penetrazione, subisce il fallo di Scott e infila il libero del 50-48. Il tiro folle da tre di Jerome Dyson dice che l'inerzia della partita è cambiata, anche perché ora in campo c'è il vero James. Brindisi va avanti di 8 punti, e si capisce che gli ultimi minuti sono in discesa: la difesa è tornata a funzionare, e in attacco si sbaglia con moderazione. Caserta ormai è intontita, e i due punti non sfuggono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Enel sola al secondo posto

BrindisiReport è in caricamento