Sport

Marino: "Cerchiamo un giocatore in grado di cambiare la storia dei playoff"

Hanno giocato a nascondino una partita insignificante per il risultato e per la classifica, più che un buon allenamento in vista del prossimo inizio dei play off scudetto in cui si troveranno ancora di fronte, ma questa volta con in palio un prestigioso posto in semifinale. Reggio Emilia- Enel Brindisi è finita 67-64, secondo il più prevedibile dei pronostici

BRINDISI - Hanno giocato a nascondino una partita insignificante per il risultato e per la classifica, più che un buon allenamento in vista del prossimo inizio dei play off scudetto in cui si troveranno ancora di fronte, ma questa volta con in palio un prestigioso posto in semifinale. Reggio Emilia- Enel Brindisi è finita 67-64, secondo il più prevedibile dei pronostici. L’Enel Brindisi ha dovuto rinunciare a Marcus Denmon, infortunato, limitando notevolmente il suo potenziale d’attacco e poi, nel corso della partita anche a Delroy James, che è rimasto in panchina dolorante in seguito ad una caduta che ha provocato un dolore alla spalla, mentre Reggio Emilia, invece, ha rinunciato a Lavrinovic e Silinis.

Per dare una spiegazione all’impegno profuso ed alla concentrazione  spesa basterà riportare la gara del “tiro al mattone” delle due squadre che nel primo tempo hanno massacrato il canestro con punteggio e percentuali da mini basket: Brindisi 5/15 pari al 33 per cento e Reggio Emilia 5/16 pari al 31 per cento. Quando poi Reggio Emilia ha deciso di chiudere la partita lo ha fatto da grande squadra imponendo un 14 a 3 nell’ultimo quarto, durante il quale l’Enel Brindisi a realizzato un canestro in sei minuti, una situazione che servirà da avvertimento per le gare play off.

L’unico che ha preso sul serio la partita è stato Michael Eric che ha realizzato 18 punti nei 15 minuti in cui è stato in campo, con un 5/9 da due punti e 8/9 nei tiri liberi, disputando la sua migliore partita da quando è a Brindisi, probabilmente avendo avvertito sentore di “taglio” in vista dei play off. Se così è (ed è proprio così!) Michael Eric ha messo in crisi il probabile intervento della società sul mercato per dare a coach Bucchi una possibilità in più di fare fronte con successo allo strapotere della formazione di Reggio Emilia  di coach Max Minetti e di cambiare eventualmente obiettivo, scegliendo semmai di puntare su un  “numero 3” invece di un pivot alternativo a Eric.  

In questo caso lo staff tecnico sarebbe costretto a puntare su un europeo o su di un americano con passaporto bulgaro ( come è stato possibile l’ingaggio di Cedric Simmons). Spiazzato positivamente dall’ultima esibizione di Eric anche il presidente Nando Marino, a Roma per la presentazione dei prossimi play off in casa “Corriere dello sport”, che tuttavia conferma. “Siamo sul mercato solo per trovare un giocatore che permetta alla squadra un salto di qualità tale da poter cambiare la storia dei play off, a cominciare dalla prossima partita con Reggio Emilia, altrimenti rinunceremo” – ha dichiarato il presidente Marino- “Le difficoltà sono enormi perché la scelta e ristretta a pochi giocatori fra i quali è arduo trovare un europeo che sia quello giusto e adatto alle esigenze tattiche di coach Bucchi”.

Reggio Emilia e Brindisi, “amici come prima”, si incontrano la  prossima settimana, ma questa volta si fa sul serio. Si giocano le prime due partite il 19 ed il 21 maggio sul parquet del PalaBigi, e sarà partita vera con in palio risultati che daranno spessore e significato a tutta la stagione agonistica, considerato che proprio nei play off molto spesso si annullano tutti i valori espressi in campionato, si riparte da zero e molti pronostici vengono clamorosamente smentiti.

E’ un classico che nel corso degli anni ha arricchito le statistiche di basket in tute categorie (è di ieri il crollo di Verona che aveva dominato il campionato di serie A/due eliminato da Agrigento, con le dimissioni di coach Alessandro Ramaglia!). A Reggio Emilia si registra il tutto esaurito del PalaBigi, con la campagna abbonamenti aperta già dalla scorsa settimana con grande successo di adesioni, tanto che il presidente Ivan Paterlini ha promesso che farà collocare maxi schermi nel centro della città per consentire a tutti i tifosi di seguire la partita contro Brindisi.  Questo è il clima che coach Bucchi ed i suoi giocatori troveranno martedì e giovedì della prossima settimana, attesi da due partite difficili che richiederanno il massimo impegno fisico ed agonistico e la dovuta concentrazione.  Lo staff tecnico dell’Enel Brindisi avrà una settimana a disposizione per recuperare tutti  i giocator al meglio delle condizioni fisiche e di forma compreso anche Marcus Denmon che ha ripreso ad allenarsi con i compagni di squadra.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marino: "Cerchiamo un giocatore in grado di cambiare la storia dei playoff"

BrindisiReport è in caricamento