Mennitti: “Costruiremo il palazzetto con 10 milioni di euro di residui attivi”

BRINDISI – Dieci milioni di euro, residui attivi del bilancio 2009 del Comune di Brindisi, saranno utilizzati per la costruzione del nuovo palazzetto in contrada Masseriola. La struttura servirà a scongiurare il rischio, in caso di promozione dell’Enel Brindisi che milita in Legadue, che la squadra sia costretta a giocare a Bari: infatti il PalaPentassuglia, dove si gioca adesso, non è a norma secondo i criteri della Lega per giocare nella massima categoria.

Domenico Mennitti

BRINDISI – Dieci milioni di euro, residui attivi del bilancio 2009 del Comune di Brindisi, saranno utilizzati per la costruzione del nuovo palazzetto in contrada Masseriola. La struttura servirà a scongiurare il rischio, in caso di promozione dell’Enel Brindisi che milita in Legadue, che la squadra sia costretta a giocare a Bari: infatti il PalaPentassuglia, dove si gioca adesso, non è a norma secondo i criteri della Lega per giocare nella massima categoria.

Il 26 e 27 aprile, nella prossima seduta del consiglio comunale, saranno approvati i due documenti necessari ad attivare l’iter per la costruzione del palazzetto: il bilancio consuntivo 2009 e quello preventivo 2010. In quest’ultimo, dei 28 milioni di euro di residui attivi, è previsto l’utilizzo di 10 milioni per la costruzione di una struttura polifunzionale da cinque mila posti.

Il progetto prevede la costruzione di un palazzetto nell’area di contrada Masseriola, che si estende per circa 60 ettari, tra la statale 16 e via Martini (ad ovest del canale Palmarini e a sud del quartiere La Rosa), dove è prevista anche la realizzazione della Cittadella dello sport. Il programma di riqualificazione urbana, già approvato dal consiglio comunale lo scorso inverno, aveva già previsto proprio in quella zona anche la costruzione del nuovo stadio comunale. Il tutto sarà completato con il sistema di viabilità.

“Non volevo che il Comune si indebitasse per i prossimi vent’anni – ha spiegato il sindaco Domenico Mennitti – per questo abbiamo concordato, anche con l’opposizione, di attingere alle casse comunali anziché ricorrere al Credito sportivo”. Dopo l’approvazione del bilancio, si partirà con la fase progettuale preliminare di cui si è incaricato lo stesso ente.

Entro luglio invece sarà pubblicato il bando di progettazione esecutiva, realizzazione e gestione: anche la scelta di un unico bando, che si espleta in 45 giorni, è mirata alla riduzione dei tempi. “Per il suo completamento – ha specificato il vice sindaco Mauro D’Attis – saranno necessari circa dieci mesi ma, quella del tempo, rimane una variabile strettamente legata al tipo di azienda che si aggiudicherà l’appalto”.

Intanto per la prossima stagione l’amministrazione comunale ha previsto di chiedere una deroga alla Lega per permettere alla squadra di giocare nel PalaPentassuglia. Ipotesi in cui comunque non ha riposto gran fiducia coach Giovanni Perdichizzi che, nella conferenza stampa di questa sera, ha ricordato un precedente che lo ha visto protagonista: quando allenava la squadra di Messina, dopo una promozione conquistata sul campo, la squadra fu costretta a giocare l’intera stagione a Reggio Calabria per le carenze del palazzetto di casa.

Per sabato è prevista una conferenza stampa del Partito democratico sull'argomento.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

  • La Polstrada recupera auto rubata dopo un inseguimento

Torna su
BrindisiReport è in caricamento