Mesagne: il Ct “Dino De Guido” a un passo dalla serie B2 di tennis

Il circolo è pronto ad ospitare dal prossimo 15 ottobre lo storico Trofeo “Dino De Guido” giunto alla 38esima edizione, intitolato ad uno dei fondatori e primo vice presidente prematuramente scomparso nel 1976

MESAGNE - Si è conclusa con una vittoria netta, la prima gara di spareggio per l’accesso al tabellone nazionale di serie B2 tra il Ct “Dino De Guido” di Mesagne e il Tc Potenza. I ragazzi gialloblù si sono imposti col punteggio di 6 a 0 ed ora, nell’incontro di ritorno, dovranno conquistare un solo incontro per raggiungere una storica promozione. I primi due incontri di singolare regalavano alla formazione mesagnese già un discreto vantaggio. Infatti, Davide Spina (2.6) si aggiudicava il proprio incontro ai danni di Giacinto Cirenza (3.1) col punteggio di 6-2 6-1. Sull’altro campo, invece, il giovane Simone Pacciolla (2.8) conquistava una vittoria importante quanto sofferta. Opposto a Antonio Lovallo (3.1), giocatore in forma che in stagione si è aggiudicato ben 3 tornei di terza categoria, Pacciolla dopo aver vinto un primo set molto combattuto, ha subito la reazione del suo avversario, ma si è fatto trovare pronto al match tie-break: 7-5 3-6 10/6 il punteggio a suo favore.

Il terzo e quarto punto lo mettevano a segno Vasko Mladenov (2.5) e Peppe Canuto (2.8). Il tennista bulgaro regolava con un 6-3 6-0 il n° 1 potentino, Fausto Tamburrino (2.8); il maestro mesagnese, invece, riusciva a trionfare ancora più nettamente su Vincenzo Marchese (3.4) col punteggio di 6-1 6-0. Gli incontri di doppio avevano due storie diverse. Infatti, la coppia Mladenov-Spina riusciva a vincere facilmente, 6-1 6-0, contro i potentini Lovallo e Nicola Summa, mentre, l’incontro tra Luigi Pisoni e Antonio Caramia contro la coppia formata da Tamburrino e Cirenza risultava essere molto equilibrata. Infatti, la gara veniva decisa dal tie break decisivo a 10 punti e, ad avere la meglio, era la squadra gialloblù che si imponeva col punteggio finale di 4-6 6-4 10/6.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’incontro è stato seguito da un nutrito gruppo di soci e appassionati che, attenendosi alle direttive anti Covid 19, hanno vissuto le gare con trepidazione. La gara è stata seguita con passione e fermento da tutta la dirigenza, con a capo il presidente Nicola De Guido che si è detto fiducioso per la conquista del sospirato traguardo. Domenica prossima, sui campi in erba sintetica di Potenza, si terrà la gara di ritorno e, al club capitanato dal maestro Armando Caforio, basterà portare a casa un solo incontro per poter festeggiare la promozione in serie B2. Intanto, il circolo mesagnese è pronto ad ospitare dal prossimo 15 ottobre lo storico Trofeo “Dino De Guido” giunto alla 38esima edizione, torneo nazionale di terza e quarta categoria maschile e femminile, intitolato ad uno dei fondatori e primo vice presidente dello storico circolo salentino, prematuramente scomparso nel 1976.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Covid, l'avanzata del virus in Puglia: aumentano i nuovi positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento