menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Michelutti e Bucchi (ph V. Massagli)

Michelutti e Bucchi (ph V. Massagli)

Milano è troppo forte per l'Enel

Al Mediolanum Forum di Milano non c’è stata storia: l’EA7 vince facile contro l’Enel e infligge ai brindisini la prima vera batosta del campionato: 89-65. Troppa differenza in campo. La squadra di coach Banchi allunga le mani sul campionato.

Al Mediolanum Forum di Milano non c'è stata storia: l'EA7 ha vinto facile contro l'Enel infliggendo ai brindisini la prima vera batosta del campionato: 89-65. Banchi ha costruito uno squadrone micidiale, che ora allunga le mani sul campionato e vuole arrivare alle final-four di EuroLega. Brindisi, con tutta la buona volontà, si deve inchinare. Troppa differenza in campo.

I ragazzi di Bucchi comunque non perdono il primato in classifica, perché Pistoia ha battuto Cantù dopo un tempo supplementare. L'Enel resta in vetta a 22 punti con Cantù, Milano e Roma.

Milano è partita ad un ritmo forsennato, schiacciando Brindisi fin dai primissimi minuti e dettando il ritmo di gioco. Il primo quarto è da mal di testa per i giocatori Enel: 32-13. Per la prima volta in questa stagione il roster di Bucchi sembra nettamente inferiore agli avversari.

All'inizio del secondo quarto l'Enel diventa più aggressiva in difesa e i risultati si vedono subito: Todic segna la tripla del -12, ma i brindisini fanno fatica a fermare Langford e Jerrels, che in due mettono a segno quasi la metà dei punti milanesi. Si va negli spogliatoi sul 49-32.

Dyson e compagni tengono anche nella prima parte della terza frazione di gioco, quella in cui di solito gli ambrosiani si esprimono al meglio. L'Enel arriva al 26° sotto di 14 punti (58-44) mentre tra i padroni di casa si mette in mostra Gentile. Ma gli ultimi minuti sono tutti di marca Armani e per l'Enel si spengono le ultime speranze: 70-47.

L'ultimo quarto di gioco è una pura formalità ed è subito evidente che in campo c'è solo Milano, che sfiora il +30. A cinque minuti dalla sirena i padroni di casa sono avanti di 25 punti ma coach Banchi continua ad arrabbiarsi con i suoi ragazzi per ogni minimo errore, il che la dice lunga su come sia cambiata l'aria da quelle parti, dopo anni di milioni di euro buttati al vento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento