rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Sport

«Nello sport non ci si accontenta mai»

BRINDISI – “Condannati a difendere per provare a vincere”. Ecco la strada tracciata da Piero Bucchi in vista del match di alta classifica che domenica metterà di fronte l’Enel contro la Dinamo Sassari, l’avversario di sempre.

BRINDISI - "Condannati a difendere per provare a vincere". Ecco la strada tracciata da Piero Bucchi in vista del match di alta classifica che domenica metterà di fronte l'Enel contro la Dinamo Sassari, l'avversario di sempre.

Una partita dal peso specifico assoluto che per Brindisi potrebbe valere il titolo di campione d'inverno, il punto più alto mai raggiunto dalla storia del basket biancoazzurro. In più, ci sarà la "prima" davanti ai suoi nuovi tifosi del neo acquisto David Chiotti, sbarcato martedì in Puglia dopo il divorzio da Alade Aminu. Tutti ingredienti che renderanno la sfida contro il team di Meo Sacchetti un piatto davvero succulento, una gara completamente diversa da quella giocata una settimana fa all'Adriatic Arena di Pesaro soprattutto dal punto di vista motivazionale.

"Non dovrò faticare più di tanto per spiegare ai miei giocatori quale sia la forza e il talento di Sassari - ha esordito Bucchi in conferenza stampa -. Abbiamo vissuto una settimana prolifica, dove si è respirata aria nuova con l'arrivo di due giocatori e con la voglia dei ragazzi di fare una buona gara. Campioni d'inverno? Preferisco pensare che in caso di vittoria andremmo a quota 22, gli stessi punti totalizzati nello scorso campionato».

Contro Sassari bisognerà giocare una partita molto intensa e generosa per cercare di limitare il talento straordinario e straripante dei nostri avversari: «Nelle partite casalinghe le nostre vittorie sono state tutte figlie una buona difesa. E proprio da questo che dovremo partire. Finora la mia squadra ha sfruttato al massimo il lavoro svolto nei primi quattro mesi della stagione con grande voglia di fare, abnegazione e spirito di gruppo, lo stesso che ci ha permesso di tornare a casa vincitori da Pesaro».

Come detto ci sarà l'esordio di David Chiotti, giocatore proveniente dall'EA7 Milano, non ancora al top della condizione ma che sicuramente tornerà utile nelle rotazioni dei lunghi a disposizione di Bucchi. Per la prima di Martin Jurtom, 20 enne estone firmato in settimana per mantenere la formula 3+4, si dovrà invece attendere il giro di boa del campionato a causa del mancato arrivo del nulla osta.

«Di strada ne abbiamo fatta - ha concluso Bucchi -, com'è noto nello sport non ci si accontenta mai. La seconda partecipazione consecutiva di Brindisi alle F8 di coppa Italia è un segnale importante. È il primo gradino conquistato in questa stagione che nessuno ci potrà togliere. Domenica c'è Sassari: scenderemo in campo con la stessa voglia di vincere, sicuri che il nostro pubblico ci possa dare una mano per spingere la squadra alla conquista dell'ennesima vittoria di prestigio».

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Nello sport non ci si accontenta mai»

BrindisiReport è in caricamento