rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Sport Ostuni

PalaGentile: work in progress

OSTUNI – Allenatore, palazzetto e primo sponsor. Tre incognite in origine. Da sciogliere a questo punto - dopo la firma, prestigiosa e affidabile, di coach Franco Marcelletti - ne restano solo due. Pesanti, certo. Ma sull’onda dell’entusiasmo l’Assi basket Ostuni punta a superare gli ostacoli.

OSTUNI - Allenatore, palazzetto e primo sponsor. Tre incognite in origine. Da sciogliere a questo punto - dopo la firma, prestigiosa e affidabile, di coach Franco Marcelletti - ne restano solo due. Pesanti, certo. Ma sull'onda dell'entusiasmo l'Assi basket Ostuni punta a superare gli ostacoli.

La presentazione di un allenatore blasonato (e persino benemerito) è un segnale preciso: la prova certa che la Legadue non è più un sogno ma realtà.

Per la tifoseria, per un'intera città, per chi in questi anni ha ben gestito le sorti della società, investendo forze ed energie in un progetto sano: dove la passione l'ha fatta da padrona, sin dai primi passi, anche nei momenti difficili. Finché non ci sarà palla al centro verrebbe quasi da non crederci. Certo, restano due incognite, appunto. Per l'esordio dell'Assi versione Legadue nell'impianto di viale dello Sport, l'attesa sarà lunga. Non prima di novembre. Sarà il "PalaPentassuglia" ad ospitare i gialloblu per buona parte del girone d'andata: il tempo necessario per portare a termine i lavori di ampliamento del PalaGentile.

Work in progress, dunque, sul fronte del Palazzetto: in cantiere la rimodulazione delle gradinate. Da sette i gradoni diventeranno 13 per ciascuna delle due tribune centrali. Su ognuno dei nuovi gradoni andranno spalmati 80 posti a sedere, per un totale di 2080. E poi ancora: previsto il potenziamento dell'attuale tribunetta laterale e la realizzazione sul loggione che la sovrasta di un anello (nella sostanza altre due tribune laterali), dove saranno ricavati altri 400 posti a sedere. Infine, una seconda tribunetta (da 100 posti) sorgerà alle spalle del secondo canestro. Un maquillage da 2.500 posti a sedere complessivi.

Il presidente pro tempore dell'Assi, Renato Santomanco, spiega: "Sul fronte palazzetto il progetto è praticamente pronto per l'uso. Nei giorni scorsi abbiamo sottoposto una bozza informale al Coni e all'amministrazione comunale, ricevendo una prima, positiva risposta di massima, ma restiamo in attesa dei riscontri e dei nullaosta ufficiali, nonché dei visti da parte del Genio civile e dei vigili del fuoco. Ci auguriamo di poter completare i lavori entro il mese di novembre. In previsione dell'inizio stagione, ovviamente, abbiamo già presentato istanza al Comune di Brindisi, ottenendo la disponibilità del Palazzetto Pentassuglia". Palazzetto a parte, in questo momento il problema maggiore resta però quello legato alla caccia del primo sponsor: "patron" che negli ultimi due anni l'Assi non è riuscita a trovare. In Legadue sarebbe assolutamente necessario.

Intanto il presidente in settimana ha incontrato alcuni operatori economici locali, titolari di aziende del territorio che potrebbero offrire il loro contributo. Essenziale, certo. E chissà che l'arrivo di coach Marcelletti, non accenda l'entusiasmo di qualche sponsor dalle spalle robuste: "Siamo in trattative con alcune aziende, a livello regionale ma anche nazionali. Vedremo. Ma il coinvolgimento degli operatori della zona sarà altrettanto importante. Raggiunto questo traguardo storico, Ostuni rappresenterà un punto di riferimento anche per il circondario".

"Così come - prosegue - le strutture del circondario rappresenteranno per noi un punto di forza, per la preparazione e per gli allentamenti. Ecco perché mi aspetto una risposta positiva e la voglia di far parte di questa straordinaria avventura da parte degli imprenditori non solo di Ostuni ma dell'intero territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PalaGentile: work in progress

BrindisiReport è in caricamento