menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Palazzetto, il Comune: “Sì alla sala stampa intitolata a Corlianò”

La delibera della Giunta a distanza di un mese dalla richiesta del presidente della società New Basket Brindisi: "Personalità che dato lustro alla città". L'ultima parola spetta alla Prefettura

BRINDISI – Sì al ricordo di Antonio Corlianò con l’intitolazione della sala stampa del palazzetto dello sport, tempio del basket brindisino. Il sì è arrivato dalla Giunta del Comune, su proposta della sindaca, a distanza di un mese dalla richiesta del presidente della società New Basket Brindisi, Nando Marino.

Antonio Corlianò ai tempi dell'Enel Basket“Si ritiene apprezzabile e rispettoso della memoria di una persona che ha dato lustro alla società civile e in modo particolare allo sport della città e non solo, attribuire a un luogo pubblico deputato alla comunicazione degli eventi sportivi legati alla pallacanestro”, si legge nella relazione di accompagnamento alla delibera approvata dall’esecutivo guidato da Angela Carluccio. Nel passaggio successivo è stato rimarcato che “ il basket a Brindisi rappresenta motivo di ulteriore grande orgoglio”.

L’imprenditore, nato a Brindisi nel ’45 e deceduto nel 2015, “è stato molto conosciuto nel settore metalmeccanico con un’impresa avente sede nel capoluogo”, si legge ancora. “In ambito sportivo, è stato grande tifoso della pallacanestro e nel 2004 si è messo a capo di una cordata di imprenditori e ha costituito una società sportiva che ha ridato lustro alla città e alla Puglia, riportando la pallacanestro brindisina sulla ribalta nazionale”, è scritto nel testo preparato dal capo dell’ufficio di Gabinetto, Nicola Zizzi in risposta alla richiesta pervenuta a Palazzo di città a firma del presidente della squadra Enel Basket, Nando Marino.

La missiva era indirizzata al responsabile dell’impiantistica sportiva, pur essendo Marino “perfettamente consapevole che il palazzetto Elio Pentassuglia è di esclusiva proprietà dell’Amministrazione comunale di Brindisi e che l sala stampa costituisce parte integrante dello stesso”. Per Marino e per i tifosi del basket, Corlianò resta e resterà per sempre “mitico presidente della società”.

Il punto era che mancava la delibera di Giunta. Che è arrivata con il tempo, anche se la sala stampa era stata già intitolata dalla società. A questo punto, per ultimare tutti i passaggi, resta da aspettare la pronuncia della Prefettura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento