Sport

Impianti sportivi, rischio chiusura e partite da rinviare

Stipendi in ritardo: domani sciopero dei dipendenti della società titolare dell’appalto di custodia delle strutture

BRINDISI – Rischiano di rimanere chiusi gli impianti sportivi del Comune di Brindisi, con conseguente rinvio delle partite, a causa dello sciopero annunciato dai dipendenti della società titolare dell’appalto per la custodia delle strutture. Il motivo? I lavoratori lamentano ritardi nel pagamento degli stipendi.

Il caso

Lo stato di agitazione è stato proclamato dai dipendenti della srl Convertino di Brindisi, vincitrice dalla gara indetta dall’Amministrazione cittadina nel mese di giugno 2017. La società è subentrata alla Natuna nella gestione delle attività di custodia, manutenzione e pulizia delle strutture pubbliche presenti in città, a fronte di 940mila euro l’anno, per cinque anni, sino al 2022.

La staffetta nella titolarità dell’appalto è stata accompagnata dall’assorbimento di tutte le unità lavorative. Stando a quanto è emerso, non sarebbero stati ancora versati gli assegni del mese di dicembre 2018 e quelli per gennaio 2019. In alcuni casi, casi ci sarebbero stati acconti.

Le partite

Se effettivamente la volontà di scioperare dovesse essere confermata, gli impianti resteranno chiusi, come annunciato dalla società Dinamo Basket Brindisi sulla pagina Facebook: “Queste sono le notizie che non ci meritiamo”, si legge.

“Sabato – è scritto ancora – la Dinano non giocherà a Brindisi. In queste ore si deciderà se posticipare la gara o se svolgerà presso altro impianto della provincia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianti sportivi, rischio chiusura e partite da rinviare

BrindisiReport è in caricamento