Sport

Enel disastrosa, sconfitta pesante a Roma. Ora bisogna vincere contro Avellino

Due trasferte due sconfitte per l'Enel Basket Brindisi che in otto giorni spegne i sogni di gloria dei suoi tifosi, ed ora sarà costretta a battere Avellino per difendere il sesto posto. Al PalaTiziano di Roma gli uomini di Bucchi non sono mai stati in partita

Due trasferte due sconfitte per l'Enel Basket Brindisi che in otto giorni spegne i sogni di gloria dei suoi tifosi, ed ora sarà costretta a battere Avellino per difendere il sesto posto. Al PalaTiziano di Roma gli uomini di Bucchi non sono mai stati in partita, nemmeno nei minuti iniziali, e tornano a casa con un -22 (80-58). Ma per quanto visto in campo, poteva finire molto peggio. È stato proprio il primo quarto ad incidere maggiormente sul risultato finale: i primi dieci minuti infatti si sono chiusi sul 23-7, con Stipcevic e Ejim a dettare legge.

Va sicuramente meglio nel secondo periodo, ma il divario è talmente ampio che bisognerebbe sperare in un miracolo. Invece c'è il massimo vantaggio Roma (34-12), grazie alla completa inesistenza di Pullen e Denmon, che vanno negli spogliatoi per l'intervallo senza aver trovato il canestro.  Con otto uomini è difficile pensare di recuperare il 38-21, soprattutto se Brindisi tira con il 25% e mette a segno solo due triple su 13 tentativi. Le speranze di rimonta cadono insieme a Turner, che si infortuna al quadricipite andando ad infrangersi contro il blocco di un avversario.

L'azione finale del terzo quarto sottolinea quanto l'Acea non sia disposta a lasciare nulla agli avversari, mentre l'Enel cola a picco: 61-39.
Nell'ultimo periodo Roma potrebbe affondare il coltello, ma fortunatamente non lo fa e Brindisi evita una figuraccia ancora peggiore. Ammesso che un -22 non lo sia già."Non c'è molto da commentare. È stata una partita che non abbiamo giocato. Probabilmente dopo le tre partite vinti i ragazzi si sono rilassati, malgrado i richiami e gli inviti a non distrarsi. Dobbiamo ripartire dalla prossima partita casalinga, che ovviamente non vogliamo e non dobbiamo perdere". Così coach Piero Bucchi nel dopo partita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Enel disastrosa, sconfitta pesante a Roma. Ora bisogna vincere contro Avellino

BrindisiReport è in caricamento