menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Brindisi alle Final Eight senza l'Enel: Cantina Due Palme main sponsor

Al PalaELio presentati gli sponsor che sosterranno la New Basket a Rimini. Marino: "La trattativa per il rinnovo del contratto con l'Enel è ferma"

BRINDISI – La Cantina Due Palme sarà il main sponsor della New Basket Brindisi in occasione delle Final Eight di Coppa Italia (sponsorizzata dalla Postemobile) in programma dal 16 al 19 febbraio a Rimini. Il logo dell’Enel (main sponsor del campionato) non sarà presente sulla canotta color verde, con una striscia tricolore orizzontale sulla parte destra, disegnata per l’occasione. Non solo. La trattativa per il rinnovo del contratto di sponsorizzazione che lega l’azienda energetica al club di contrada Masseriola (in scadenza a fine stagione), da quanto detto dal presidente della New Basket, Nando Marino, pare in alto mare.

Il nodo sponsor è stato il tema caldo della conferenza stampa svoltasi oggi pomeriggio (7 febbraio) al PalaPentassuglia per presentare le imprese La maglia della New Basket che verrà indossata alle Final Eight-2che sosterranno la "Stella del Sud" nell’avventura delle Final Eight (come già fanno in campionato): la UnibedMaterassi, la CoGeMain, la Primiceri, la Ra Costruzioni e la stessa Cantina due Palme. Gli uomini di coach Sacchetti scenderanno in campo contro la corazzata Armani Jeans Milano, capolista del massimo campionato, alle ore 20,45 di giovedì, 16 febbraio. Il quadro dei quarti difinale è completato da: Reggio Emilia - Capo D'Orlando, Venezia-Brescia, Avellino-Sassari. 

“E’ un torneo meraviglioso – afferma Marino - che da presidente di Lega ho avuto l’onore di concludere consegnando la coppa a Giorgio Armani. Il fatto di esserci per la quarta volta in cinque anni è un grande traguardo”.  Marino ha ricordato che lo scorso anno la qualificazione alle Final Eight sfuggì per un infortunio alla mano di Adrian Banks. “La qualificazione conquistata quest’anno – afferma il presidente - è un risultato da incastonare nei gioielli di famiglia di questa squadra. Solo Milano e Sassari hanno più presenze negli ultimi anni in questa competizione. Siamo cresciuti tutti insieme in questi anni. Ci sono state tante belle pagine di sport e di spettacolo vissute all’interno palazzetto e fuori”.

La maglia della New Basket che verrà indossata alle Final Eight 2-2-2Marino quindi si è lasciato andare a un amarcord dell'ultimo lustro, ricordando alcuni momenti indelebili come “la prima vittoria arrivata a Bologna contro la Virtus, quella a Biella di 22 punti, quella a Venezia, la sconfitta contro Sassari con infortunio di Formenti e l’emozione con cui seguimmo la partita Avellino-Milano, dopo esserci già qualificati alle semifinali”.

Tornando al presente, però, va detto che in campionato la squadra, reduce dalla sconfitta di Reggio Emilia (la quarta nelle ultime cinque partite), si sta barcamenando a metà classifica, con il rischio di perdere contatto dalla zona playoff (distante due punti, ma con un nutrito gruppo di squadra davanti ai biancazzurri, che occupano il dodicesimo posto). 

“Dopo la sconfitta di Trento – afferma Marino - ho fatto due nomi dei giocatori più in difficoltà (Nic Moore e Danny Agbelese, ndr). L’ho fatto per il loro bene, con la speranza che potessero reagire al momento difficile. Nic Moore la partita successiva (contro Pistoia, ndr) ha fatto bene. Agbelese ha bisogno di un po’ più di pazienza. Abbiamo fatto due partite straordinarie in casa contro Sassari e Caserta e poi ci siamo persi”. Il presidente non nasconde di essere “molto preoccupato, perché se continuiamo a far fare 100 puti a tutte le squadre che affrontiamo, ho paura che avremo grandi difficoltà. Con gli attacchi si riempiono i palazzi, con le difese si vincono gli scudetti. Con Varese (palla a due domenica prossima, alle ore 18,15, al PalaPentassuglia, ndr) abbiamo una rivincita sportiva da prenderci e sono convinto che riusciremo a prendercela”.

La t-shirt celebrativa delle Final Eight di Rimini-2

Ma al di là delle considerazioni sulle Final Eight e sui risultati poco esaltanti in campionato, a tenere banco è stata soprattutto la difficile trattativa con l’Enel. “Abbiamo invitato alle Final Eight il main sponsor del campionato (l’Enel, ndr) – spiega Marino - grazie al quale si è avverata questa favola cestistica brindisina negli ultimi 10 anni. Li abbiamo invitati ad essere presenti, ma non abbiamo ricevuta nessuna risposta. E di conseguenza abbiamo deciso che sarebbe stato giusto iniziare nuovo percorso con aziende locali che abbiano a cuore le sorti cestistiche e di sviluppi del territorio”.

“Con l’Enel – prosegue Marino - stiamo trattando il rinnovo del contratto. Vorremmo portare ancora il nome di questa azienda con orgoglio. I matrimoni però si fanno in due. Per chiudere questo matrimonio ci vogliono firme e accordi. Aimè, siamo a metà febbraio e ancor non possiamo programmare prossima stagione. Mi auguro che da Roma ci ascoltino”. In caso contrario, Marino invita (provocatoriamente) “tutti gli sportivi ad andare in bici a Roma”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento