menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nando Marino

Nando Marino

«Siamo la scheggia impazzita di Lega A»

BRINDISI - «La classifica è veritiera, siamo la scheggia impazzita del campionato». Il presidente dell'Enel Brindisi, Nando Marino, si gode il momento storico. È euforico ma prova a restare con i pedi per terra. E risponde sorridendo: «Non abbiamo previsto premi scudetto».

BRINDISI - Nando Marino si gode la quinta vittoria consecutiva e soprattutto il primato solitario della sua Enel Basket Brindisi. È allo stesso tempo orgoglioso e felice, ma prova a restare con i piedi per terra, anche se non si tratta di un'impresa facile, quando si sta vivendo un momento sportivo storico ed esaltante.

Presidente, il primato ha cambiato le prospettive?

«Le prospettive sono quelle dell'inizio del campionato. Noi fin dall'inizio abbiamo dichiarato, con coraggio, che il nostro obiettivo era quello di provare ad entrare nei play-off. IN questo momento abbiamo sei punti in più rispetto all'ottava in classifica. È un vantaggio e ci auguriamo di mantenerlo. Guardiamo un po' più da vicino la possibilità di accedere alle Final-Eight»

Quanto è veritiera la classifica?

«In questo momento è veritiera. L'unica squadra che probabilmente, per come è stata costruita e per quello che può dare al campionato, è rimasta un po' indietro è Milano. Però per il resto si stanno rispecchiando i valori reali con Siena seconda e Cantù che va molto bene. L'unica scheggia impazzita del campionato siamo noi. Nessuno poteva immaginarlo. Neanche noi nei nostri sogni».

Domenica prossima arriva Cantù: fiducioso?

«Credo che quella di domenica sia la partita più importante dell'anno, sicuramente la spartiacque. Se dovessimo vincere diventeremmo molto più sicuri del tipo di campionato che andremo a fare e dei nostri obiettivi».

Parte della tifoseria è impazzita, qualcuno parla di Eurolega e ripropone il problema palazzetto. Domenica sentiremo il solito corso "vogliamo il palazzetto"?

«Che la tifoseria sia impazzita è comprensibile e ci fa solo piacere. Il tifoso deve sognare sempre risultati più grandi, però il problema palazzetto è serio. Il palazzetto non lo avremo, visto anche quello che sta accadendo al Comune di Brindisi, non ci sarà né palazzetto nuovo né ristrutturazione, quindi...»

Quindi andiamo a Bari?

«Quindi giocheremo al Pala Pentassuglia sapendo che per pensare in grande quella struttura non basta. Noi ora pensiamo ad affrontare il campionato domenica dopo domenica. Non vogliamo pensare a quello che sarà l'anno prossimo. Godiamoci il risultato».

Avevate già stabilito il premio salvezza ed il premio play-off?

«Il premio salvezza non ce l'ha nessun giocatore, sono previsti invece i premi final-eight e play off».

E il premio scudetto?

«No, non è previsto».

O almeno non ancora.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento