rotate-mobile
Sport

Strana, tenace, fortunata Assi/ Gallery

BRINDISI - Fortunata, immeritata, cercata fino alla fine: la vittoria della Domotecnica Ostuni contro Forlì (68-67), ottenuta allo scadere con un tiro da tre di Berti, dopo essere stata in svantaggio per 39 minuti e 50 secondi, ha dell’incredibile e può essere giudicata in tanti modi. Ma il basket è bello anche per questo, e l’Assi è stata brava a non mollare mai, anche quando i due punti sembravano persi.

BRINDISI - Fortunata, immeritata, cercata fino alla fine: la vittoria della Domotecnica Ostuni contro Forlì (68-67), ottenuta allo scadere con un tiro da tre di Berti, dopo essere stata in svantaggio per 39 minuti e 50 secondi, ha dell?incredibile e può essere giudicata in tanti modi. Ma il basket è bello anche per questo, e l?Assi è stata brava a non mollare mai, anche quando i due punti sembravano persi.

Il grosso del merito va ad un immenso Aaron Johnson, che ha trascinato i suoi alla rimonta finale, ed ha sempre cercato il varco giusto nella difesa ospite: per il play americano alla fine 22 punti, con un 8 su 15 da due punti ed un 3 su 5 dalla lunga distanza. Dopo la pessima prestazione nel derby contro Brindisi, Klobucar questa volta ha fatto la sua parte, pur senza strafare. E finalmente, almeno nel finale di gara, si è rivisto anche un discreto Diliegro, giocatore che più di tutti era mancato nelle ultime tre partite (tutte perse) dell?Ostuni. Sotto tono invece Jurevicus ed il gruppetto di italiani che in altre occasioni aveva dato un importante apporto alla squadra.

E così, da quella che è sembrata la partita più brutta finora disputata dai ragazzi di coach Marcelletti, arriva una iniezione di fiducia: la Domotecnica stasera ha fatto un importante passo avanti verso la salvezza, e può guardare con maggiore tranquillità al prossimo impegno esterno, che la vedrà impegnata a Piacenza. Anche il coach gialloblù, al termine di 40 minuti di passione, tira un sospiro di sollievo: «Abbiamo sofferto molto la velocità di Forlì, ma ci abbiamo creduto fino alla fine, e grazie alla zona pressing, e con tanto cuore, siamo riusciti a vincere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strana, tenace, fortunata Assi/ Gallery

BrindisiReport è in caricamento