menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Taekwondo, “Dream Cup”: Martina dominatore assoluto a Roma

L’atleta brindisino delle Fiamme Oro (categoria + 78 chilogrammi junior), in rappresentanza della Regione Puglia, si è imposto nella gara a squadre regionali andata in scena nei giorni scorsi presso il parco del Foro italico

BRINDISI – Mattia Martina tiene alto l’onore del taekwondo pugliese, conquistando l’ennesima medaglia d’oro della sua carriera, in occasione della “Dream Cup” di taekwondo che si è svolta nei giorni scorsi presso il parco del Foro Italico, nella splendida cornice dello stadio Nicola Pietrangeli, coperto per l’occasione con un telo. L’impianto capitolino è stato fra il 2 e il 5 giugno la capitale mondiale dell’arte marziale, avendo ospitato uno dei più importanti eventi internazionali della specialità, il Grand Prix, qualificante in vista dei giochi olimpici di Tokyio due 2020, e altri due tornei di grande importanza a livello giovanile: il “Kim e Liù” 2018, che ha visto affrontarsi 2000 bambini, e l’Olympic Dream Cup, l’emozionante gara a squadre regionali, formata dai miglior atleti cadetti e junior del nostro paese.

Mattia Martina, atleta della sezione di Brindisi delle Fiamme Fiamme Oro, gruppo sportivo della polizia di Stato attivo da un paio di mesi presso il tensostatico del rione Bozzano, ha rappresentato la regione Puglia nella categoria + 78 chilogrammi junior. Al suo fianco c’era il padre, tecnico delle Fiamme Oro e fondatore dell’Asd Pantere Nere, Massimiliano Martina.

Mattia Maertina, dream cup-2

Il percorso del giovane atleta brindisino, reduce dalla medaglia d’oro conquistata lo scorso 13 maggio al torneo internazionale “Daedo 2018”, è stato impeccabile. Ai quarti di finale, Mattia ha battuto di oltre 20 punti, per ko tecnico al secondo round, Giuseppe Pagano. In semifinale Mattia ha vinto per forfait dell’avversario, Alexander Zadra., messo ko da un infortunio. In finale, Mattia ha avuto nettamente la meglio su Fabio Cerasoli, rappresentante della regione Abruzzo, costretto ad abbandonare il match al secondo round, per inferiorità.

Mattia, dunque, ha dimostrato per l'ennesima volta che il suo potenziale continua a crescere. La sua determinazione e la sua grinta sono un'arma devastante per chiunque si trovi sulla sua strada. Tutto questo al costo di grossi sacrifici e tante rinunce, per dedicare più tempo possibile allo sport che tanto ama, per raggiungere gli obiettivi che sogna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento