rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Sport Mesagne

Taekwondo, Vito Dell'Aquila in testa al ranking mondiale

L'atleta mesagnese si piazza in vetta alla graduatoria per la categoria - 58 Kg. "Ora testa al mondiale” afferma il presidente Fita Angelo Cito

MESAGNE - Vito Dell'Aquila, con 314.68 punti, è al primo posto del ranking mondiale per la categoria - 58 Kg. Il dato è consultabile sul sito European Taekwondo Union.

Ad annunciare l'avvenimento ci ha pensato anche il presidente della Federazione nazionale taekwondo, Angelo Cito. Il manager sanvitese - infatti - ha affermato: “È un orgoglio ed un risultato storico per tutto il taekwondo italiano che, da oggi, Simone Alessio e Vito Dell’Aquila siano primi nel ranking mondiale delle rispettive categorie. Bravi, ora testa al mondiale”. 

Un'ottima notizia per l'atleta mesagnese, che solo pochi giorni (3 novembre) fa ha festeggiato i suoi 22 anni. 

Breve biografia sull'atleta

Vito Dell'Aquila nasce a Mesagne il 3 novembre 2000. Si è diplomato al Liceo Scientifico Epifanio Ferdinando della sua città natale.

Ha iniziato a praticare il taekwondo all'età di otto anni, presso la palestra New Marzial. "Il mio primo match è stato una gara internazionale in Austria nel febbraio 2009. Ero ancora una cintura gialla. Vinsi la medaglia d'oro" racconta, secondo quanto pervenuto dall'apposito portale online della Fita.

Dal 12 novembre 2018, Vito compete per il Centro Sportivo dei Carabinieri. Ha ottenuto il suo primo podio internazionale in una grande manifestazione ai mondiali di Muju 2017. Successivamente, agli europei di Kazan' 2018, ha vinto la medaglia di bronzo.

L'atleta mesagnese ha rappresentato l'Italia ai giochi olimpici estivi di Tokyo 2020, vincendo la medaglia d'oro nel torneo della categoria fino a 58 kg, battendo in finale il tunisino Mohamed Khalil Jendoubi.

I propositi per il futuro

"In generale vorrei continuare a vincere. - Afferma Vito, secondo quanto riportato dal sito Fita - Nonostante l’oro della scorsa olimpiade non mi sento ancora un campione. Per questo nel futuro vorrei confermarmi in più competizioni e cercare di diventare uno degli atleti più grandi ed essere ricordato nella storia del taekwondo"

"Vorrei confermarmi ai giochi olimpici di Parigi2024, iscrivermi a scienze della comunicazione e diventare giornalista per divulgare il taekwondo in Italia perchè è uno sport che merita tanto. - Prosegue - In futuro vorrei anche avere una famiglia. In generale comunque vorrei essere una fonte d’ispirazione per le generazioni future". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taekwondo, Vito Dell'Aquila in testa al ranking mondiale

BrindisiReport è in caricamento