Ultras avellinesi raid in tribuna, ma la multa va al Football Brindisi

BRINDISI – Mille euro di multa al Brindisi per i tafferugli, senza conseguenze, di domenica sulla gradinata del Fanuzzi nella quale erano stati sistemati, scriteriatamente, non ci stancheremo di ripeterlo, a contatto di gomito i tifosi locali con quelli dell’Avellino. Il giudice sportivo ha ritenuto che la responsabilità sia stata dei brindisini per via dei cori offensivi che sarebbero partiti dalla Curva sud. E, ovviamente, chi paga è la società. La stessa che anche nella mattinata di domenica aveva sollecitato le forze dell’ordine a trovare una diversa sistemazione alle due tifoserie e cioè collocare quella ospite nella curva nord da sempre ad essa destinata e non nella gradinata destinata ai brindisini.

Brindisi-Avellino (Foto V.Massagli)

BRINDISI – Mille euro di multa al Brindisi per i tafferugli, senza conseguenze, di domenica sulla gradinata del Fanuzzi nella quale erano stati sistemati, scriteriatamente, non ci stancheremo di ripeterlo, a contatto di gomito i tifosi locali con quelli dell’Avellino. Il giudice sportivo ha ritenuto che la responsabilità sia stata dei brindisini per via dei cori offensivi che sarebbero partiti dalla Curva sud. E, ovviamente, chi paga è la società. La stessa che anche nella mattinata di domenica aveva sollecitato le forze dell’ordine a trovare una diversa sistemazione alle due tifoserie e cioè collocare quella ospite nella curva nord da sempre ad essa destinata e non nella gradinata destinata ai brindisini.

La nuova normativa introdotta dal ministro leghista Roberto Maroni, però, destina il settore ospiti solo ai possessori della tessera del tifoso. Che quasi nessuno ha fatto. E quindi i tifosi ospiti, invece di essere impediti a seguire le gare in trasferta in mancanza della tessera, vengono collocati assieme ai locali più innocui. Sempre il giudice sportivo ha squalificato per due giornate Di Girolamo, difensore centrale dell’Aversa Normanna, squadra che domenica il Brindisi dovrà affrontare.

In prospettiva di questo incontro il Brindisi oggi ha ripreso la preparazione. Due sedute distinte tra chi domenica ha giocato contro l’Avellino e si è allenato in modo leggero e chi, invece, domani, alle ore 16, nello stadio Fanuzzi, dovrà scendere in campo per affrontare la Nocerina nella fase eliminatoria della Coppa Italia. L’attenzione dell’allenatore Carlo Florimbj è incentrata esclusivamente sul campionato. Alla Coppa Italia non attribuisce molta importanza, anche perché il Brindisi ha iniziato la preparazione con quindici giorni di ritardo rispetto alle altre squadre e quindi non può disperdere energie per questo torneo.

In campo contro la Nocerina schiererà i giocatori che sinora hanno avuto poche possibilità di mettersi in mostra. La squadra del presidente Vittorio Galigani al momento può contare su una quarantina di elementi. Molti giovani promettenti e alcuni over che non rientrano nei piani di questo allenatore, ma che sono legati da contratto già dallo scorso campionato.

Tra i diciotto giocatori che verranno utilizzati contro la Nocerina sicuramente ci saranno gli ultimi acquisti Manoni, Vicentini e Di Matteo. Nelle tre gare precedenti di Coppa Italia il Brindisi è stato sconfitto a Melfi, a vinto in casa con il Matera ed è stato sconfitto ad Andria. Domani ultimo atto in casa prima di lasciare la Coppa Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Covid, Puglia: la curva non si abbassa, 32 nuovi decessi

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

Torna su
BrindisiReport è in caricamento