rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Sport

Un bel Brindisi sfiora l'impresa a Cava. Il pareggio sta stretto ai biancazzurri

Il Brindisi sfiora la vittoria sul campo della Cavese, nella decima giornata del campionato di Serie D. Ai biancazzurri sta davvero stretto il risultato di parità (2-2) con cui se ne sono tornati dall'impianto di Salerno, dove comunque è stato centrato il quarto risultato utile di fila. Gli uomini di Castellucci avevano rimontato con Terracciano e Molinari

CAVA DEI TIRRENI – Il Brindisi sfiora l’impresa sul campo della Cavese, nella decima giornata del campionato di Serie D. Ai biancazzurri sta davvero stretto il risultato di parità (2-2) con cui se ne sono tornati dall’impianto di Salerno, dove comunque è stato centrato il quarto risultato utile di fila. Gli uomini di Castellucci avevano rimontato con Terracciano e Molinari il gol del vantaggio dei padroni di casa realizzato da Marzullo nel corso del primo tempo.

Un errore del portiere Pizzolato a 6 minuti dalla fine, però, ha regalato ai campani il gol del pareggio. La gara è stata condizionata da un terreno pesante a causa della pioggia abbattutasi incessantemente per l’intero arco della partita. Il Brindisi ha giocato con personalità, creando numerose occasioni da rete. Come avvenuto anche a Manfredonia, Castellucci ha lasciato in panchina Molinari (poi decisivo nella ripresa), schierando al suo posto Croce (bocciato anche oggi). Il tecnico laziale ha dovuto rinunciare agli esterni titolari Raho e Lorito, entrambi alle prese con un infortunio, sostituiti da Ivone e Pellegrino. In attacco, fuori uso pure Varsi. 

La partita. Al 4’, Pizzolato esce fuori dall’area di rigore, tuffandosi di testa per anticipare De Stefano. Al 6’, Marzullo stoppa di petto una palla che spiove nell’area del Brindisi e tenta di battere Pizzolato con un colpo in acrobazia, ma la palla finisce abbondantemente alta. Al 14’, Pizzolato non si lascia sorprendere da un tiro-cross di D’Amanzo. Al 16’, D’Amanzo non si fa trovare pronto su un pallone che sorvola l’area di rigore.  

Al 25’, D’Amanzo affonda sulla fascia e lascia partire un cross rasoterra sul quale la retroguardia biancazurra si fa trovare impreparata; la palla finisce dunque sui piedi di Marzullo, che realizza il gol del vantaggio con un tocco alla sinistra di Pizzolato, nonostante un disperato tentativo di salvataggio sulla linea da parte di Ferrara.

Al 30’, Ancora scaglia un bolide dai 30 metri; il portiere Napoli si tuffa alla sua destra, deviando sul fondo. Sugli sviluppi del corner conseguente, un tiro dello stesso Ancora, diretto verso l’incrocio, viene deviato da un difensore avversario. Ne scaturisce un altro tiro dalla bandierina, che mette in seria apprensione la difesa campana. La palla, infatti, schizzata fuori da una mischia, viene deviata sulla linea da Della Porta. Nella circostanza, i biancazzurri reclamano un penalty per fallo di mano. Al 38’, De Vivo accarezza la traversa con un calcio piazzato dai venti metri.  Al 45’, De Stefano si avventa verso un pallone che rotola fuori dall’area di rigore, cercando il bersaglio con una conclusione di prima intenzione, ma la mira è sbagliata. Il primo tempo non regala altre emozioni.

All’11’ della ripresa, De Vivo calcia da posizione defilata, senza però centrare il bersaglio. Un minuto dopo, il Brindisi trova il pareggio con una notevole prodezza balistica di Molinari, entrato pochi minuti prima al posto di Croce, che con calcio dal limite di prima intenzione imprime alla sfera una traiettoria carica d’effetto, imprendibile per Napoli. Al 22’, Pollidori non va con convinzione su un pallone vagante all’altezza della trequarti, lasciando partire una conclusione debole, che si spegne fra le braccia di Napoli.

Al 34’, Danucci tocca involontariamente la sfera nell’area biancazzurra, sfiorando l’autogol. Al 35’, Molinari trova la coordinazione in un fazzoletto e calcia al volo di sinistro, costringendo Napoli a una difficilissima deviazione sul fondo. Sugli sviluppi del corner successivo, Terracciano porta in vantaggio gli ospiti con un imperioso colpo di testa. Al 39’, Pizzolato, complice il terreno di gioco ridotto a una saponetta, non riesce a trattenere la palla, regalandola di fatto ad Ausiello, che realizza la rete del 2-2 a porta vuota.

Il Brindisi, ormai, non ne ha più. Negli ultimi 5 minuti, i biancazzurri si limitano a contenere le iniziative offensive della Cavese, senza mai concedere nulla agli avversari. Il punto strappato a Cava lascia soddisfatti i circa 200 tifosi brindisini assiepati nel settore ospiti. Basti pensare che la Cavese, nei precedenti 4 impegni casalinghi, aveva sempre vinto, subendo appena due reti.

Questo risultato conferma dunque il processo di maturazione degli uomini di Castellucci, che restano a un passo dalla zona playoff. In settimana, intanto, dovrebbero esserci sviluppi sul fronte societario. La speranza dei tifosi, in particolare, è che la trattativa per la cessione della società possa giungere a una svolta prima della partita che fra sette giorni vedrà impegnato il Brindisi contro il Francavilla sul Sinni. 
 

Cavese-Brindisi 2-2
Cavese: Napoli, La Mur a, Di Cascia, Ausiello, Giordano , Manzo, Capaldo, Della Corte, De Stefano, Marzullo, D’Amanzo (De Rosa dal 30’ st).  Imbimbo, Pisapia, Bocchino, Avagliano, Satella, Rinaldi, Ghigliotta, De Rosa. 
Brindisi: Pizzolato, Terracciano,Ferrara, Ivone Pellegrino, Loiodice (Pastore dal 10’ st), Danucci, De Vivo, Pollidori, Ancora (Romito dal 30’ st), Croce (Molinari dal 5’ st). A disposizione: Cattafesta, Zinetti, Raho, Romito, Oliveira, Pastore. Allenatore: Castellucci.
Marcatori: Marzullo (Cav) al 25’ pt; Molinari (Br) al 12’ st; Terracciano (Br) al 35’ st; Ausiello (Cav) al 39’ st
Note: Circa 3mila spettatori sugli spalti, di cui quasi 200 giunti da Brindisi

Decima giornata, i risultati: Potenza-Gallipoli (1-1); Bisceglie-Francavilla sul Sinni (1-0); Cavese-Brindisi (2-2); Gelbison-Scafatese (1-0); Grottaglie-Sarnese (3-1); San Severo-Fidelis Andria (0-0); Taranto-Arzanese (2-1); Puteolana-Pomigliano (3-1); Manfredonia-Monopoli (0-0)
 

Prossimo turno, undicesima giornata: Arzanese-Cavese; Brindisi-Framcavilla sul Sinni; FIdelis Andria-Taranto; Gallipoli-Puteolana; Grottaglie-Potenza; Monopoli-Gelbison; Pomigliano-Bisceglie; Sarnese-Manfredonia; Scafatese-Manfredonia
 

Classifica: Fidelis Andria 23; Bisceglie 22; Gallipoli, Potenza 20; Taranto 18; Cavese 16; Brindisi 15; Francavilla sul Sinni Gelbison, Grottaglie 13; Pomigliano 11; Monopoli 10; Scafatese 9; Manfredonia 8; San Severo 7; Arzanese, Puteolana 5.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un bel Brindisi sfiora l'impresa a Cava. Il pareggio sta stretto ai biancazzurri

BrindisiReport è in caricamento