rotate-mobile
Sport

Una domenica in Ferrari, ma a pedali. Brindisi in bicicletta va

BRINDISI - Un appuntamento che diventa una tradizione. E' questa Brindisi in bicicletta, la ciclopasseggiata che coinvolge tutti i quartieri della città e giunta quest'anno alle sua ventinovesima edizione con il suo solito successo di aficionados. Adulti, donne, ma soprattutto tanti i bambini partiti ed arrivati in piazzale Lenio Flacco dopo aver attraversato la città in una bellissima giornata di sole. Un mondo variopinto di colori mosso dalla passione per le due ruote, momento di svago salutare anche per i non agonisti. Oltre 1800 i partecipanti che non hanno voluto mancare il tradizionale appuntamento.

BRINDISI - Un appuntamento che diventa una tradizione. E' questa Brindisi in bicicletta, la ciclopasseggiata che coinvolge tutti i quartieri della città e giunta quest'anno alle sua ventinovesima edizione con il suo solito successo di aficionados. Adulti, donne, ma soprattutto tanti i bambini partiti ed arrivati in piazzale Lenio Flacco dopo aver attraversato la città in una bellissima giornata di sole. Un mondo variopinto di colori mosso dalla passione per le due ruote, momento di svago salutare anche per i non agonisti. Oltre 1800 i partecipanti che non hanno voluto mancare il tradizionale appuntamento.

"Ormai i brindisini - commenta Romeo Tepore presidente dell'Associazione Brindisi in bicicletta - hanno questa manifestazione nel loro dna, lo confermano le migliaia di presenze. Quest'anno c'era forse qualche iscritto in meno, ma erano in tanti quelli che si sono aggregati alla ciclopasseggiata partecipando a parte con il gusto di esserci. Stiamo già pensando all'organizzazione del prossimo anno in cui festeggeremo il trentennale di questo evento entrato ormai nel cuore dei brindisini di tutte le età".

E tradizione per tradizione, a premiare i vincitori di questa edizione sarà lo storico gruppo folkloristico cittadino Lu Scattusu: "Ci sarà una grande manifestazione nel Centro commerciale le Colonne - spiega Fedele Zurlo presidente dell'associazione culturale -, noi partecipiamo all'organizzazione dell'evento ogni anno, sin dal 1974 (anno dell'istituzione della manifestazione) cercando di fare del nostro meglio. E anche quest'anno ci saremo con uno spettacolo in occasione della cerimonia di premiazione".

Una sana domenica all'insegna delle due ruote che ha coinvolto in tanti, agonisti e non. E non è mancato il pezzo forte della ventinovesima edizione: "Una Ferrari completamente ecologica - dice Luca Di Giulio tra gli ideatori del progetto - non abbatterà il muro del suono in velocità. Un progetto singolare, sin da piccolo volevo una macchina a pedali, oggi ho una Ferrari. Scherzi a parte è un progetto che ha richiesto un anno di lavoro ed il sacrificio di un gruppo di amici: insieme siamo riusciti a trovare un telaio di questa Ferrari, a ristrutturarlo e riconvertirlo in questa bellissima bicicletta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una domenica in Ferrari, ma a pedali. Brindisi in bicicletta va

BrindisiReport è in caricamento