rotate-mobile
Sport

Una partita nervosa, segnata dalla necessità di fare due punti. Anche qualche colpo proibito

BRINDISI. L’Enel Brindisi non si fa sfuggire l’occasione e porta a casa due punti importantissimi battendo, davanti al pubblico amico, la Cimberio Varese con il punteggio finale di 96 a 79. Accompagna il risultato la notizia della sconfitta di Teramo sul campo di Pesaro. Tutto questo dà un po’ di respiro alla squadra brindisina che sale a quota 12 punti e lascia l’ultimo posto agli abruzzesi. Partita che per tre quarti non ha entusiasmato dal punto di vista tecnico e ha dato subito la dimensione di essere un’incontro molto sentito dalle due compagini.

BRINDISI - L'Enel Brindisi non si fa sfuggire l'occasione e porta a casa due punti importantissimi battendo, davanti al pubblico amico, la Cimberio Varese con il punteggio finale di 96 a 79. Accompagna il risultato la notizia della sconfitta di Teramo sul campo di Pesaro. Tutto questo dà un po' di respiro alla squadra brindisina che sale a quota 12 punti e lascia l'ultimo posto agli abruzzesi. Partita che per tre quarti non ha entusiasmato dal punto di vista tecnico e ha dato subito la dimensione di essere un'incontro molto sentito dalle due compagini.

Nel primo periodo coach Bechi , orfano del nuovo arrivato Taylor fermo per infortunio, schiera Lang, Dixon, Roberson, Diawara e Tourè . Recalcati risponde con Demartini, Rannikko, Cangur, Fajardo e Slay e dopo pochi minuti di difesa a uomo passa ad una difesa a zona 2 -3. Ma i brindisini cominciano bene con Lang che va a canestro su scarico di Roberson. Slay fa sentire il suo peso realizzando i primi quattro punti per Varese. L'inizio dell' incontro con qualche tensione fra i giocatori, dà la dimensione di quanto i 2 punti in palio siano importanti. Roberson e Dixon portano il primo vantaggio a Brindisi e si va sul 10 a 6. Ma Varese approfitta di un paio di ritardi sul recupero difensivo dei salentini e riprende la partita con due contropiedi. Rannikko realizzando una tripla a 3 minuti e 50 dalla fine del primo tempino porta i lombardi al primo vantaggio: 14 a 15. E' Roberson che prende in mano la situazione e nonostante qualche difficoltà offensiva della squadra,realizza canestri importanti (14 punti nel primo quarto per lui ) fermando il punteggio sul 23 a 23.

All'inizio del secondo quarto si vede in campo capitan Infante al posto di Lang. Apre le danze Diawara, che lanciato da Giovacchini schiaccia in contropiede. Varese cambia difesa passando a uomo. Gioco macchinoso e poco fluido per ambedue le squadre, tanto che dopo quasi 5 minuti il parziale è di 2 a 3. Ci pensa Diawara con un canestro da tre punti a sbloccare i giochi. Risponde Stipcevic prima, Dixon poi e Maresca "scippa" dalle mani di Lang uno scarico in contropiede, realizzando i suoi primi due punti della partita. Passati 7 minuti il punteggio è 33 a 31. Infante si batte bene sotto canestro difendendo forte su Galanda. Ritorna in campo Lang che viene subito coinvolto nel gioco da uno scarico di Roberson e realizza. La partita va avanti abbastanza lenta con Fajardo, Stipcevic e Kangur per i varesini e Diawara e Tourè per l'Enel, che cercano di smuovere il punteggio e gli animi. Si va negli spogliatoi per la pausa lunga sul punteggio di 39 a 38.

L'inizio del terzo quarto è sulla falsa riga del secondo. Tourè e Fajardo ingaggiano una sfida tecnica che movimenta la partita. Inizia a vedersi anche il play Goss che realizza da tre punti. Dixon viene lanciato in contropiede da Tourè e Diawarà ed il punteggio è sul 47 a 46.Tourè continua la sua performance facendo innervosire Fajardo che reagisce dando una gomitata sul viso del francese, costretto ad uscire, e vedendosi sanzionare un antisportivo. Maresca subentra e realizza i due liberi. La palla a disposizione dei brindisini viene sfruttata bene e anche Infante va a referto realizzando in tapin. Primo corposo vantaggio per i brindisini: 57 a 46. Anche il pubblico si infiamma facendosi sentire dai suoi beniamini. Questa volta è Goss che dà la scossa alla sua squadra: realizzando dalla lunga distanza ed un 2 più 1 porta Varese al meno 7: è 61 a 54. L'ultimo canestro del quarto è di marca Tourè e al sirena suona sul 63 a 54.

L'ultimo quarto è sicuramente quello più coinvolgente. E' Diawara che prende per mano i compagni e realizzando i primi punti porta Brindisi al più 14: 70 a 56. Varese non molla e con Fajardo e Stepcevic si riavvicina: 71 a 61. Ma Brindisi è in trend positivo e nonostante una piccola pausa mentale che fa ritornare in gioco i lombardi, mantiene sempre il vantaggio con Tourè, Diawara e Lang che la fanno da padroni. La Cimberio trova in Goss la reazione e Slay prova a creare qualche problema sotto le plance. Ma si capisce che la partita ha preso la giusta direzione per i salentini.

Gli ultimi minuti si gioca per la differenza canestri (Brindisi a Varese ha perso di 13 punti ) e quindi coach Bechi opta per il fallo sistematico ed i tiri liberi, piuttosto che rischiare tiri da tre punti. E' Maresca che realizza gli ultimi punti della partita ed il punteggio si ferma definitivamente sul 96 a 79 per l'Enel Brindisi. Nello scout finale la cosa che salta agli occhi sono i 41 rimbalzi presi da Brindisi contro i 30 di Varese e le 21 palle recuperate contro le 11 dei lombardi. Un dato importante non tanto dal punto di vista tecnico, ma sicuramente dal punto di vista della voglia e della forza che la squadra ci sta mettendo per arrivare alla salvezza tanto sperata da tutti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una partita nervosa, segnata dalla necessità di fare due punti. Anche qualche colpo proibito

BrindisiReport è in caricamento