Vertice sul calcio, solo quattro imprese

BRINDISI - Solo quattro aziende (Securpol Puglia, Rialbus, Avio, Franco Pennetta) hanno risposto per ora all’appello dell’Amministrazione comunale a partecipare all’incontro finalizzato a reclutare sponsor e sostenitori per la società sportiva Città di Brindisi. Gli imprenditori che avevano garantito la loro presenza erano stati 15.

Un momento del vertice sul calcio locale

BRINDISI - Solo quattro aziende (Securpol Puglia, Rialbus, Avio, Franco Pennetta) hanno risposto per ora all’appello dell’Amministrazione comunale a partecipare all’incontro finalizzato a reclutare sponsor e sostenitori per la società sportiva Città di Brindisi. Gli imprenditori che avevano garantito la loro presenza erano stati 15.

Non si parte dunque nel migliore dei modi, tanto che Roberto Galluzzo, uno dei soci, durante l’incontro si lascia sfuggire un «mi aspettavo di vedere i rappresentanti di qualche altra grande azienda». Ma il sindaco Consales e l’assessore allo Sport, Antonio Giunta, restano fiduciosi e guardano anche altrove, oltre il club dei soliti noti (Enel, Sanofi, Enipower): «Non si può pensare di vivere solo all’ombra delle grandi aziende – ha detto il primo cittadino -. A Brindisi c’è anche un tessuto di piccole e medie aziende che possono contribuire. Mi attendo interventi diretti a sostegno dello sport anche da questa tipologia di imprese».

L’assessore Giunta ha comunque dichiarato che ci sono già altre quattro aziende (tra cui un istituto bancario) pronte ad investire nel progetto. Resta, da parte della società presieduta da Giuseppe Roma, l’impegno ad avere programmi chiari ed un quadro economico alla luce del sole, in maniera tale che tutto sia trasparente, per le aziende che entreranno nella compagine sociale (o la sosterranno) e per i tifosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Vogliamo fare un campionato di alta classifica. Siamo impegnati sul mercato per portare a Brindisi buoni giocatori ma senza sperperare soldi, come è accaduto lo scorso anno». Il campionato inizierà il 2 settembre. C’è tempo un mese e mezzo per poter arrivare preparati, e ben strutturati, all’appuntamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Coronavirus: nuovo picco in Puglia, contagi in aumento a Brindisi

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Bambino positivo al Covid: lo sfogo della zia, contro ignoranza e maldicenze

  • Coronavirus, escalation di ricoveri. Nel Brindisino continuano ad aumentare i positivi

  • Migrante investito da un neopatentato: tragedia sulla provinciale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento