menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Viaggi in bici con la mente e con le gambe

BRINDISI – Le condizioni meteo inclementi non fermano gli sfegatati della bici, che hanno programmato una serie di uscite di gruppo e di eventi culturali sino alla fine di febbraio. Come sempre, il motore delle iniziative è l’associazione Cicloamici di Mesagne.

BRINDISI - Le condizioni meteo inclementi non fermano gli sfegatati della bici, che hanno programmato una serie di uscite di gruppo e di eventi culturali sino alla fine di febbraio. Come sempre, il motore delle iniziative è l'associazione Cicloamici di Mesagne. Si parte sabato, ma con incontro conviviale: all'ex Convento dei Cappuccini, alle 19, festa sociale dei Cicloamici in maschera,"un'ottima occasione -dicono gli organizzatori- per conoscere il programma di attività 2010", e per aderire all'associazione. Con 15 euro all'anno si finanzia l'attività e si ottiene la copertura assicurativa per le escursioni di gruppo. Ai partecipanti, inoltre, saranno consegnate le "Vie Verdi", cartine ciclo escursionistiche della provincia di Brindisi, gli "Itinerari Normanno Svevo angioini" e guide agli itinerari cicloturistici a tema realizzati nell'ambito del PIS12.

Sabato 20 febbraio, stessa location ma alle 18, secondo appuntamento con Ciclica_mente, la serie di incontri culturali per proporre un nuovo umanesimo interculturale ecologico e conviviale. "Emozioni, scorci di vita e di viaggio prendono vita sotto forma di racconto nell'esperienza di Follow The Women, una pedalata in Medio Oriente di 250 donne provenienti da tutti i paesi del mondo per lanciare un messaggio di pace", nel libro di Cecilia Gentile una delle partecipanti, redattrice del quotidiano La Repubblica e già autrice di "Buongiorno Senegal".

Si torna in sella il 27 febbraio sulla "Via Idruntina a est di Trieste". Così illustra l'escursione Antonio Licciulli, portavoce di Cicloamici: "L'itinerario a Otranto proposto dai Cicloamici è tra i più affascinanti del Salento, ricco di storia e natura che si snoda tra i sedimenti di ere geologiche ed epoche storiche. Memorie avvolte da una natura ricca dei profumi della gariga e del timo e tinta del rosso dei depositi bauxitici e del bianco accecante delle pietre carbonatiche. Dal periodo tardo antico la città di Otranto è un ponte fra oriente e occidente. Fu centro bizantino e gotico, poi normanno, svevo, angioino e aragonese. Nella sua splendida cattedrale, nel 1095, -prosegue Licciulli- venne impartita la benedizione ai dodicimila guerrieri che, al comando di Boemondo I d'Altavilla, partirono per la prima crociata. Nel 1480Otranto fu saccheggiata dai Turchi e nel massacro che ne seguì tutti i maschi di oltre quindici anni furono uccisi, mentre le donne e i bambini furono ridotti in schiavitù. Sotto la guida dei Cicloamici -ricorda il portavoce dell'associazione- nel 2006 la trasmissione RAI "Sabato domenica e" ha realizzato un servizio televisivo su questo itinerario".

Il trasferimento del gruppo sino al punto di partenza dell'escursione avverrà ovviamente in treno: "Dalla stazione di Otranto -illustra Licciulli- si giunge a Torre Pinta dove è previsto uno spuntino con i prodotti locali e la visita all'ipogeo che con la sua particolare struttura che da il nome alla contrada. Si proseguirà poi per l'abbazia di Casole, di cui oggi restano soltanto dei ruderi, e da qui verso il faro della Palascia. Sulla strada del ritorno si ammira il paesaggio marziano della cava di bauxite caratterizzata da un piccolo lago generato da una falda freatica e dalle acque di un inteso verde smeraldo e la Torre del Serpe, oggi parzialmente diroccata, suggestivo simbolo -spiega ancora Antonio Licciulli- dell'antica lotta contro i saraceni che, provenienti dal mare, seminavano morte e distruzione sulla costa. Probabilmente l'edificio in epoca romana era adibito a faro e solo successivamente svolse l'analoga funzione delle altre torri della costa salentina. A conferma di ciò -sottolinea Licciulli- la leggenda secondo la quale Torre del Serpe deve il suo nome a rettile che la credenza popolare vuole si nutrisse dell'olio che teneva acceso l'antico faro". Ed ecco il programma dettagliato: ore 8,30, incontro dei partecipanti alla stazione di Brindisi dove si salirà con bici al seguito sul treno regionale per Lecce , e dal capoluogo salentino si trasborderà alle 9,43 sul treno delle FSE per Otranto. Terminata l'escursione in bici, rientro ad Otranto e alle ore 17.09 partenza in treno per Lecce con arrivo previsto alle 18,2 e da qui alle 18,33 partenza per Brindisi con arrivo alle 18,54. L'itinerario è di circa 24 km su strade sterrate senza particolari difficoltà, bici consigliata MTB/Trek. Prenotazioni entro e non oltre venerdì 19 febbraio, quota di partecipazione 6 euro più 2 a fini assicurativi per i non soci. Tutti i partecipanti si dovranno munire dei biglietti ferroviari Trenitalia/FSE. Contatti Michele D'Anna nikdanna@libero.it, cellulare 347110 7586.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sanremo, sul palco dell'Ariston anche una ballerina brindisina

Attualità

L'associazione 72019 lancia "sanvito.online", la web app dei ristoratori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Frutta e verdura di stagione: la spesa di marzo

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento