Sport

New Volley: finisce a pesci in faccia su Facebook tra Saponaro e Muccio

L’ombra di una bruttissima lite su Facebook tra Ercole Saponaro, il presidente del rilancio della squadra, e Toni Muccio, l’uomo che doveva portare linfa vitale alla società, si allunga sulla Dream Volley Brindisi, che si batte ormai per giocarsi il passaggio in A/2

BRINDISI – L’ombra di una bruttissima lite su Facebook tra Ercole Saponaro, il presidente del rilancio della squadra, e Toni Muccio, l’uomo che doveva portare linfa vitale alla società, si allunga sulla Dream Volley Brindisi, che si batte ormai per giocarsi il passaggio in A/2, incalzando con i suoi 21 punti in classifica le due leader della classifica (Latina e Palmi), a quota 23. Una bella squadra, senza timori reverenziali per alcuno, capace anche di fare crescere il pubblico della pallavolo nello storico “PalaMelfi”, costruita su una buona base di movimento giovanile affidato alle mani di Patrizia Chionna, e guidata da due tecnici che sin qui hanno ottenuto davvero il massimo dalle loro atlete, Dino Guadalupi e la storica Ida Taurisano in seconda.

Tutto accade a pochi giorni dall’altra supersfida esterna sul campo del Latina, dopo la vittoria in casa contro il Palmi. La squadra sin qui ha dato il massimo anche se è da qualche mese che la New Volley Brindisi è scossa dalla crisi al vertice, dai dissapori, dai nuovi arrivi nella compagine societaria. Brindisi rischia di perdere l’ennesimo bel giocattolo, ed è questo che semina mortificazione e gelo tra le persone più vicine alla società e tra i tifosi. Una società di volley di B/1 o anche di A/2 non vive certo degli incassi dei biglietti o degli abbonamenti, né a Brindisi né a Vicenza. Ci vogliono sponsor solidi, e concordia nei posti di comando.

Ma spesso lo sport brindisino è stato vittima dell’edonismo della politica, di sponsor tirati per la giacchetta ma impazienti di sganciarsi, oppure annunciati e mai apparsi all’orizzonte. Fregiarsi del titolo di patron accresce le medagliette di chi tenta la scalata ad una poltrona, fa status. Ma il patron o è davvero un mecenate in grado di tenere anche in ordine entrate e uscite della società, investendo nel contempo nelle ambizioni sportive, oppure è solo l’ennesima illusione di passaggio, che alla sue spalla lascia crolli e frustrazioni.

E’ esplosa come un vulcano la tensione che covava tra Saponaro e Muccio. Appesantita da esposizioni, da invadenze sgradite (dicono tutto loro due su Facebook). E’ finita a pesci in faccia. Finirà così anche il bel campionato della Dream Volley? Chi garantisce oggi per la squadra? In questa città ci sono i siti produttivi dei più grandi gruppi nazionali, ma per una squadra femminile di B/1 con chance di promozione ci sono solo appuntamenti sfumati. Ed ora il regolamento di conti verbale, in diretta, tra i due uomini al vertice. Avvelenato, senza mezzi termini, illuminante sui retroscena. E si capisce che qui lo sport c’entra solo fino a un certo punto. Il problema è proprio questo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

New Volley: finisce a pesci in faccia su Facebook tra Saponaro e Muccio

BrindisiReport è in caricamento