Sport San Vito dei Normanni

Volley: dopo la fusione, sull'uso del palasport è già guerra a S.Vito

Non hanno dubbi le società sportive di San Vito dei Normanni: il progetto “Brindisi – San Vito Volley” ha soprattutto uno scopo, quello di monopolizzare l’uso del palazzetto Macchitella. Ovviamente a discapito delle altre squadre locali

SAN VITO DEI NORMANNI – Non hanno dubbi le società sportive di San Vito dei Normanni: il progetto “Brindisi – San Vito Volley” ha soprattutto uno scopo, quello di monopolizzare l’uso del palazzetto Macchitella. Ovviamente a discapito delle altre squadre locali che non avrebbero altri luoghi dove svolgere adeguatamente la propria preparazione ordinaria, visto che le palestre scolastiche della cittadina sono quasi tutte in ristrutturazione o non idonee agli allenamenti di volley o di basket.

E la pressione ora comincia a trasferirsi sul sindaco Domenico Conte e sull’assessore comunale allo Sport, ai quali cominciano a giungere i segnali della protesta e del malessere. In sintesi, si chiede (e si chiederà) di impedire che l’uso del PalaMacchitella, struttura comunale che è stata la “casa” della gloriosa Volley San Vito di A2 femminile, diventi appannaggio pressoché esclusivo della nuova joint-venture tra Pallavolo 80 Brindisi e Progetto Volley San Vito (nata dalla ceneri della società costretta a ripiegare dai campionati maggiori per carenza di sponsor e risorse).

La Pallavolo 80, presieduta da Massimiliano Oggiano, avrebbe puntato su questo progetto di sinergie con la società sanvitese, perché la criticatissima impennata dei ticket sulle strutture sportive a Brindisi renderebbe di fatto impossibile alle società sportive locali l’accesso agli impianti del capoluogo, dal palazzetto di via Ruta, ai tensostatici, alle palestre, alle piscine. Quindi, dicono a San Vito i critici dell’operazione, quello tra Pallavolo 80 Brindisi e Progetto Volley San Vito non sarebbe altro che un matrimonio di interesse che porta in dote il PalaMacchitella.

Il palasport di S.Vito

Che le cose stiano proprio così, o meno, è una valutazione che dovrà fare il sindaco Domenico Conte assieme alla giunta comunale. La Pallavolo 80 si sta organizzando per una stagione di primo piano in B/2 femminile, sperando ancora nel ripescaggio in B/1, mentre la Progetto Volley San Vito disputerà il campionato di serie D maschile. Ma a San Vito ci sono altre due società di Volley molto presenti in tutti i tornei giovanili, la Scuola Pallavolo San Vito, dove c’è il tecnico degli anni d’oro del volley sanvitese, Cosimo Lo Re, e la New Volley Dolphin San Vito, la Basket-Ball School di Angelo lerna, in attività dal 1981, e varie società del settore delle arti marziali e della ginnastica, solo per citarne alcune.

Il PalaMacchitella è una struttura di riferimento per tutte queste società locali, e nessuno ci sta ad essere di fatto sfrattato in conseguenza dei problemi di ticket sugli impianti sportivi di un’altra città. E il malumore serpeggia anche tra i genitori, soprattutto tra quelli che stanno investendo sulle prospettive agonistiche dei propri figli: “Sono un genitore di ragazzi che praticano sport nella città di San Vito dei Normanni, dove spero ci sia la possibilità quest’anno di poter usufruire delle strutture sportive, perché riguardo al vostro articolo vorrei precisare una cosa: secondo il mio parere non si tratta di collaborazione ma più che altro di situazione di comodo da parte delle due interessate”, si legge in una mail pervenuta in redazione.

“Mi spiego, in questi ultimi tempi si parla tanto nella città di Brindisi di aumento sproporzionato di ticket, per poter usufruire di strutture sportive pubbliche, tanto è vero che uno dei dirigenti della società brindisina ha scritto al proprio sindaco di prendere atto della questione ed intervenire per cambiare le cose. Evidentemente non avendo avuto risposta , hanno pensato di collaborare con la società di San Vito. Tutto questo a discapito di tutte le altre società sportive sanvitesi che non potranno usufruire de Palazzetto dello Sport come potrebbero”.

“Spero l’amministrazione di San Vito – conclude la mail - e precisamente il signor sindaco e l’ assessore allo Sport, accolgano questo messaggio affinché non si venga a creare un disagio per tutta la collettività sportiva sanvitese”. Non resta che attendere le decisioni dell’amministrazione comunale. "Per le partite della domenica pomeriggio non ci sarebbe alcun problema - dice da San Vito il partito dei preoccupati - ma alla regolarità degli allenamenti delle squadre locali non intendiamo rinunciare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley: dopo la fusione, sull'uso del palasport è già guerra a S.Vito

BrindisiReport è in caricamento