rotate-mobile
Sport

Volley S.Vito, ecco le americane

S.VITO DEI NORMANNI – Mancavano solo loro, le due americane, per raggiungere il cento per cento delle presenze in squadra, a preparazione già avviata. Il sorriso di Emily Brown è disarmante, malgrado la stanchezza di un viaggio in aereo di ben 25 ore cominciato da Kansas City, con tappa a Chicago, e da qui a Roma attraverso la rotta polare. E’ attesa in tarda serata invece la texana Angela Bensend. Entrambe in anticipo e geneticamente abituate al caldo, essendo nate e cresciute in territori tra i più soleggiati degli Usa.

S.VITO DEI NORMANNI - Mancavano solo loro, le due americane, per raggiungere il cento per cento delle presenze in squadra, a preparazione già avviata. Il sorriso di Emily Brown è disarmante, malgrado la stanchezza di un viaggio in aereo di ben 25 ore cominciato da Kansas City, con tappa a Chicago, e da qui a Roma attraverso la rotta polare. E' attesa in tarda serata invece la texana Angela Bensend. Entrambe in anticipo e geneticamente abituate al caldo, essendo nate e cresciute in territori tra i più soleggiati degli Usa.

Sono stati i dirigenti della Cedat 85 San Vito ad accelerare le pratiche per i permessi di soggiorno alle due giocatrici, anticipandone l'arrivo e per aggregarle il prima possibile al resto del gruppo che ha iniziato il lavoro in palestra da tre giorni. Emily Brown è arrivata così all'Aeroporto del Salento nel primo pomeriggio, passando in un giorno dalla sponda destra del Missouri all'Adriatico Meridionale. La Brown, 25 anni, si è detta felice di arrivare al campionato italiano di dopo due stagioni in quello francese. Ad accoglierla in aeroporto dai dirigenti biancazzurri.

"Ho sentito parlare benissimo di questa regione - ha detto Emily Brown - e non vedevo l'ora di raggiungervi. Siete delle persone carine e sento che mi troverò bene". Le impressioni della prima ora, insomma, sono più che positive.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley S.Vito, ecco le americane

BrindisiReport è in caricamento