Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Volley

Il Casale Volley sorride: due giovani atlete in prestito in Serie A e in C

Intesa con il "Cuore di Mamma" Cutrofiano: l’alzatrice Francesca Di Coste convocata in A2, il libero Micaela Mollica titolare in Serie C

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato della società Casale 3 Volley

Nonostante il blocco totale dello Sport in città, il Casale Volley si è dimostrata una società lungimirante, rinunciando a fare qualsiasi campionato sia di Serie che di categoria, già dal mese di ottobre 2020. Per cui ha accettato la proposta di alcune società della Regione di ricevere in prestito le proprie atlete, tra cui le 2 piccoline classe 2006 che sono andate a vivere, quindi cambiando casa e scuola in quel di Cutrofiano, Francesca Di Coste e Micaela Mollica.

“Cuore di Mamma” Cutrofiano società che milita nel campionato di Serie A2 Femminile e che da un po’ di anni investe molto nel settore giovanile creando una “cantera” di giovanissime di buon livello Nazionale. La notizia che oggi fa sorridere la dirigenza del Casale Volley è che l’alzatrice Francesca Di Coste è stata convocata in Serie A nella trasferta di Sassuolo e che il libero Micaela Mollica sarà titolare nella squadra che milita in Serie C, questo ci inorgoglisce vuol dire che il lavoro fatto in precedenza, consolidato dal lavoro di assieme da parte dei tecnici del Cutrofiano, sta dando i suoi frutti, tant’è che entrambe le atlete sono state segnalate dal selezionatore regionale allo staff della nazionale e ci auguriamo che nel prossimo futuro sia la Francesca nel ruolo di Alzatrice che Micaela nel ruolo di libero possano essere convocate nei prossimi stage delle Nazionali giovanili.

Naturalmente la società del Casale Volley termina di sorridere e si Augura che al più presto la situazione in città possa cambiare e che le palestre si possano riaprire e che i nostri giovani riprendino a sorridere.
  
 
      

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Casale Volley sorride: due giovani atlete in prestito in Serie A e in C

BrindisiReport è in caricamento