Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inquinatore in azione: una mamma riprende la scena e lo rimprovera

 

Nonostante fosse in compagnia della figlia, ha accostato, ha attivato la telecamera dello smartphone e ha ripreso un inquinatore in azione. Protagonista di questo encomiabile atto di coraggio è una brindisina che nel pomeriggio di lunedì (1 aprile) stava percorrendo la strada per Lo Spada, che collega il centro commerciale Ipercoop Le Colonne a via Cappuccini, lambendo l’ospedale Perrino.

Poco dopo l’ipermercato, la donna, sulla destra, ha scorto un’auto ferma sul margine della carreggiata, con portiera lato guidatore e portabagagli aperti. Poi si è accorta che un uomo prelevava dei rifiuti dallo stesso portabagagli e li depositava dietro a un jersey spartitraffico di cemento, fra le erbacce.

A quel punto, si è fermata a pochi metri dall’incivile e ha iniziato a riprenderlo. Trascorsi alcuni secondi (ma questo nel video non si vede) è uscita dall’abitacolo, ha affrontato l’uomo faccia a faccia, lo ha rimproverato e lo ha invitato con risolutezza a raccogliere i rifiuti, esponendosi anche al rischio di eventuali reazioni scomposte.

Lui le ha risposto che ormai non poteva più raccogliere il materiale abbandonato per terra, si è messo al volante dell’auto e se n’è andato. La coraggiosa mamma, non potendo darla vinta all’inquinatore, ha chiesto l’intervento della polizia locale, che però, in quel momento, non aveva pattuglie disponibili da mandare sul posto. Per questo è stata invitata a inviare il video al comando. 

A questo punto c'è da augurarsi che il senso civico dimostrato dalla cittadina prevalga sull’inciviltà e che l’inquinatore paghi le conseguenze del suo gesto. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento