Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, l'arrivo delle dosi del vaccino a Brindisi: applausi ed emozione

E 'giunta poco dopo le 10.30 di oggi, domenica 27 dicembre, nella sede dell'ex ospedale Di Summa

 

BRINDISI - E' stata accolta con applausi pieni di emozione l'auto della Asl di Brindisi che trasporta le dosi dei vaccini anti covid destinate alla cittò. E 'giunta poco dopo le 10.30 di oggi, domenica 27 dicembre, nella sede dell'ex ospedale Di Summa. Era scortata da auto della polizia e carabinieri. 

Per la provincia sono 80 le dosi di vaccino disponibili contro il Covid. Il primo a vaccinarsi sarà il presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Brindisi, Arturo Oliva. Subito dopo, Patrizia Zuppetta, infermiera dell’ambulatorio vaccinale e Elita Mastrovito, assistente sanitaria del Servizio di Igiene e Sanità pubblica della Asl. Seguiranno il segretario regionale della Fimmg, la federazione dei medici di famiglia, Donato Monopoli, il segretario provinciale della Fimp la federazione dei medici pediatri, Francesco Gianfredi, il direttore del Dipartimento di Cure primarie della Asl, Angelo Greco, il direttore del Servizio di Igiene e Sanità pubblica, Stefano Termite, il coordinatore Uacp, Ufficio aziendale cure primarie, Michele Lisco

A seguire al Perrino (primo piano, ambulatorio di Cardiologia), si vaccineranno, tra gli altri, i direttori di Dipartimenti e Unità operative Pietro Gatti (Area Medica), Antonio D’Autilia (Pronto soccorso), Massimo Leone (118), Massimo Calò (Rianimazione), Domenico Potenza (Malattie infettive), Saverio Cinieri (Oncologia), Pierluigi Pietro Bracciale (Pneumologia Ostuni).  Alle 13 nella Rssa Sancta Maria Regina Pacis di Fasano, al piano terra, si vaccineranno operatori sanitari e degenti. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento