Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cgil: "Fortemente a rischio i lavoratori Cara e Cpr di Restinco"

Il segretario generale Antonio Macchia afferma che non si è riusciti a raggiungere un accordo significativo

 

BRINDISI - Ancora incerto il futuro dei 33 lavoratori del C.a.r.a. (centro d’accoglienza richiedenti asilo) e del C.p.r. (centri permanenza per il rimpatrio) di Restinco. A spiegare cosa sta accadendo, ai microfoni di Brindisi Report, è il segretario provinciale della Cgil, Antonio Macchia: “Purtroppo – afferma  Macchia - pur avendo beneficiato della mediazione da parte della prefettura, non siamo riusciti a raggiungere un accordo significativo”. E’ a rischio, infatti, buona parte della platea storica impiegata presso C.a.r.a. e C.p.r. e per alcuni si prospetta un taglio significativo del monte ora che potrebbe passare da 36 a 12 ore settimanali. Per altri addirittura non sarebbe prevista nessuna collocazione. “Questo è il risultato della memoria salviniana - incalza Antonio Macchia - che mette fortemente a rischio professionalità di alto livello, arrivando persino tagliarle fuori dal mercato del lavoro”. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento