Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marina Militare, nel ricordo del sacrificio dei dispersi in mare

 

BRINDISI - Si è svolta questa mattina, alle ore 11.00, presso il monumento nazionale al "Marinaio d'Italia" di Brindisi, la “Giornata della Memoria dei marinai scomparsi in mare” organizzata dalla Marina Militare in ricordo del sacrificio dei marinai, militari e civili, deceduti e sepolti in mare. La commemorazione, giunta al 77° anniversario, ha visto la partecipazione dell' onorevole Giulio Calvisi, Sottosegretario di Stato alla Difesa e del Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, ammiraglio di squadra Giuseppe Cavo Dragone, oltre a numerose autorità civili e militari.

FESTA MARINA BRINDISI 2-2

L'iniziativa si è tenuta presso il monumento nazionale eretto nel 1933 per iniziativa della Lega Navale Italiana. Il monumento andava a suggellare il conferimento dell'onorificenza della Croce di guerra alla città pugliese, nel 1919, su proposta del Capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Thaon di Revel. Brindisi venne infatti prescelta per l’importante ruolo di base navale del Basso Adriatico della Regia Marina durante il Primo Conflitto Mondiale. Data importante e carica di significato storico, il 9 settembre è l’anniversario dell’affondamento della corazzata Roma, dei cacciatorpediniere Vivaldi e Da Noli e degli oltre 1700 marinai periti in quei tragici eventi bellici.

Interviste al Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, ammiraglio di squadra Giuseppe Cavo Dragone e all'onorevole Giulio Calvisi, Sottosegretari di Stato alla Difesa.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento