rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024

Canottaggio, due brindisini rappresentano l'Italia ai mondiali in Galles

Sono Matteo Palazzo e Nicola Centonze del gruppo sportivo vigili del fuoco "Carrino". La loro avventura si è fermata ai quarti per alcuni inconveniente

BRINDISI - Si è conclusa ieri, 17 ottobre 2022, con il ritorno in Italia, l'avventura del gruppo sportivo vigili del fuoco Carrino di Brindisi, presieduto dal comandante provinciale Giulio Capuano. Il gs era impegnato, nelle vesti azzurre, nel campionato mondiale di coastal rowing beach sprint svoltisi a Saundersfoot (Galles) a partire dal 14 fino al 16 di ottobre. Mai nessun brindisino è riuscito a fare tanto, vestire il body azzurro rappresentando l'Italia come equipaggio composto da una singola società Brindisina.

Il gruppo, rappresentato da Matteo Palazzo e Nicola Centonze e guidato dall'allenatore Antonio Coppola, era partito il 12 alla volta della Gran Bretagna dopo aver conquistato la convocazione lo scorso mese, a seguito della vittoria del titolo di campioni d'Italia nel doppio coastal rowing beach sprint categoria junior maschile a Barletta. Dopo aver provato i percorsi e le imbarcazioni nella giornata di giovedì rifinendo con gli ultimi ritocchi tecnici e tattici, la partecipazione al mondiale è iniziata ufficialmente venerdì, con le preliminary race, delle gare a tempo che servono a stabilire i migliori tempi: i migliori tre sarebbero passati direttamente ai quarti di finale, senza transitare dai recuperi. L’Italia di Palazzo e Centonze ottiene il miglior terzo tempo assoluto, non dovendo quindi disputare i recuperi. I quarti di finale si svolgono la mattina di domenica e vedono l’accoppiata brindisina sfidare i padroni di casa, gli Inglesi, che dalla loro hanno anche un grandissimo tifo. 

Canottaggio, il gs vigili del fuoco Brindisi ai mondiali in Galles

Dopo una buona partenza, Palazzo e Centonze si ritrovano a dover fare i conti con onde non indifferenti e una forte corrente, che li portano prima a far scivolare un remo dalle mani e poi a perdere un carrello costringendo l'equipaggio a fermarsi completamente per riassettarsi. Grazie ad una grande forza di volontà e forza agonistica, ingaggiano un fantastico giro di boa, i due riescono a riscucchiare e recuperare gli inglesi, forti della loro altezza e del loro peso, che permette loro di risentire meno delle condizioni meteo-marine. La fase in barca si chiude con un bellissimo punta a punta all'arrivo sulla spiaggia e le due Nazioni si giocano il passaggio in semifinale in pochissimi secondi. Arrivati sul bagnasciuga, nella foga di recuperare ancora portarsi avanti per qualche cm, si salta dalla barca ma nella velocità si inciampa e perde delle frazioni di secondo, estremamente importanti in un punta a punta. All’arrivo sono gli inglesi, per pochissimo, ad avere la meglio sull’Italia, rappresentata dall’equipaggio brindisino. 

Forte amaro per gli azzurri che purtroppo devono fermarsi ai quarti di finale, pur consapevoli di aver raggiunto, comunque un grande traguardo. “Partecipare a un mondiale non è assolutamente un qualcosa da tutti i giorni, particolarmente in una specialità come questa. Sono molto più che soddisfatto per il risultato dei ragazzi e sono anche consapevole, come lo sono anche loro, che senza quei piccoli inconvenienti avremmo potuto raggiungere un risultato di estremo prestigio e ancora migliore. Il ‘punta a punta’ ai quarti di finale in questo campionato arrivano comunque al termine di una grandissima stagione per questi due atleti”. Sono queste le parole dell’allenatore Antonio Coppola , al termine di questa grande esperienza per i ragazzi da lui allenati e impegnati in azzurro.
Al ritorno a Brindisi, una folla composta da atleti del gruppo sportivo Carrino, genitori, amici e simpatizzanti ha accolto i due atleti e l’allenatore in aeroporto, accompagnati da striscioni e bandiere, davanti a tantissime altre persone che si sono anche fermate e complimentate con gli atleti.

Video popolari

Canottaggio, due brindisini rappresentano l'Italia ai mondiali in Galles

BrindisiReport è in caricamento