Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Canti e balli tradizionali: festa della vendemmia alla "Livio Tempesta"

 

Bimbi con vestiti d’epoca hanno intonato canti della tradizione agricola, in un’atmosfera di allegria e spensieratezza. La festa della vendemmia si è svolta ieri pomeriggio (mercoledì 10 ottobre) presso la scuola elementare “Livio Tempesta” situata in via Carlo Pisacane, al rione Commenda. 

1b1a8759-728f-4bc9-b731-b49cd6cd16db-2

Anche in questo plesso dell’istituto comprensivo centro è approdato il progetto della vendemmia sociale promosso in diversi istituti scolastici dalle aziende agricole “Pugliese Vincenzo” e “Cuppone Giuseppina”, su iniziativa dell’imprenditore Vincenzo Pugliese e di nonno Antonio Pugliese.

75082cb5-0b68-45ae-affd-bb4c5e03f251-2

Entrambi ieri sera hanno festeggiato insieme ai bimbi della Livio Tempesta. Oltre ai canti e balli, in un cortile gemito da genitori e insegnanti, Vincenzo e Antonio Pugliese hanno fatto una simulazione del filare dell’uva. Inoltre hanno spiegato la differenza fra uva da tavolo e da vino, hanno mostrato i lieviti e altri attivanti, hanno illustrato il funzionamento degli strumenti per la determinazione del posto. I bambini inoltre hanno appreso la composizione del mosto e hanno proceduto alla pigiatura, alla torchiatura e all’analisi dello stesso mosto. 

db5898ee-d138-4a2a-9245-f0389b750874-2

“Questa festa – dichiara Vincenzo Pugliese – ci spinge a continuare nel solco della diffusione della cultura agricola nelle scuole. I bambini hanno intonato canti tipici della vendemmia, dedicandoli a nonno Antonio, emozionatissimo. Da parte nostra l’impegno a realizzare anche in questo orto un filaare di vigneto, in modo da vendemmiare direttamente nel plesso”. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento