"Ci preoccupa il clima di tensione, noi siamo per la fratellanza"

Dopo le due aggressioni ai danni di un cittadino di 20 anni originario del Senegal e del segretario della comunità cittadina del Ghana perpetrate venerdì sera (19 ottobre) fra via Cappuccini e il sottopasso ferroviario di via Appia, abbiamo raccolto il parere di tre esponenti delle comunità di migranti africani presenti in città. Si tratta di Osadolor Aganmwonyi, presidente della comunità nigeriana, Awukudey Robert, presidente comunità ghanese, e di Drissa kone dal Mali, fra i fondatori della comunità del Mali.

Dalle loro parole emerge la volontà di dar vita a una manifestazione all’insegna della “fratellanza”, per stemperare il clima di odio razziale sfociato nei raid del 19 ottobre.

Video popolari

"Ci preoccupa il clima di tensione, noi siamo per la fratellanza"

BrindisiReport è in caricamento