Vittime mafia, cerimonia in ricordo di Mauro Maniglio: "L'attenzione verso la mafia deve restare alta"

Si è svolta venerdì 13 agosto presso l'omonimo parco. L'omicidio è avvenuto 29 anni fa

BRINDISI - Il Presidio di Brindisi, dedicato ai finanzieri Antonio Sottile e Alberto De Falco, dell’associazione nazionale “Libera – Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie”, ha organizzato anche quest'anno una cerimonia pubblica in memoria di Mauro Maniglio, vittima innocente della mafia, presso il parco a lui intitolato nel quartiere Bozzano di Brindisi, a 29 anni dal suo assassinio. Fu ucciso da un killer della Sacra Corona Unita. La cerimonia si è svolta venerdì 13 agosto. 

Mauro Maniglio nel 1992 aveva da poco compiuto 18 anni e stava per frequentare l'ultimo anno del Liceo Scientifico "Monticelli". E' una delle tante vittime innocenti che vengono ricordate ogni anno il 21 marzo nella “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”. In questi giorni ricordiamo anche Salvatora Tieni e Nicola Guerriero, che furono uccisi a Torre Santa Susanna l'11 agosto 1991 dalla Scu mentre cercavano la verità sulla scomparsa del figlio Romolo.

L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Brindisi è stata organizzata in collaborazione con il gruppo di Corpo Europeo di Solidarietà “I giovani sono il presente!”, la Coop. Soc. “Amani”, l'associazione “Clic – Comitato Liberi Cittadini” del quartiere Bozzano e la Parrocchia San Giustino de Jacobis.

Il procuratore di Brindisi Antonio De Donno ha invitato la comunità a mantenere alta l'attenzione dell'opinione pubblica verso le mafie.

Video popolari

Vittime mafia, cerimonia in ricordo di Mauro Maniglio: "L'attenzione verso la mafia deve restare alta"

BrindisiReport è in caricamento